Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Print this page

Cosenza, altri tre punti sotto l’albero. Serie B - 18^ giornata. COSENZA-EMPOLI: 1-0. LA SINTESI

Posted On Giovedì, 26 Dicembre 2019 15:26

COSENZA - Un Cosenza in salute batte anche l’Empoli, bissando il successo di Pisa, e si porta fuori dalla zona rossa. Decide Baez in apertura di gara con un gran gol “alla Rivière”. Con questo successo i lupi si portano a quota 20 punti e agguantano i play out. Sono fuori, quindi, dalla retrocessione diretta. E la zona salvezza ora dista soltanto un punto. Sei punti nel periodo natalizio sono un bottino niente male e domenica si preannunciano scintille nello scontro diretto di Castellammare di Stabia.

Polemiche per la clamorosa svista arbitrale in occasione del gol dell’1-1 ospite, non convalidato dal direttore di gara. Minuto 83: assolo di Ricci sulla trequarti che calcia in porta dalla distanza con palla che colpisce prima la traversa e poi ricade ben al di là della linea di porta. L’arbitro e l’assistente non se ne avvedono e il Cosenza porta a casa tre punti che, al di là di tutto, sono meritati. In Serie B non c’è la “Goal Line Techonolgy” che avrebbe assegnato correttamente il pareggio all’Empoli, che dall’80’ era anche rimasto in dieci per l’espulsione del neo entrato Laribi (doppio giallo in appena 12’, ndr.). Assente anche la Var che farà il suo esordio tra i cadetti a partire da playoff e playout.

Queste le dichiarazioni del tecnico Braglia nel post partita: “Abbiamo un punto in più rispetto alla fine del girone d’andata dell’anno scorso. Quando si vince lo si fa tutti insieme. I ragazzi hanno interpretato bene la gara, abbiamo peccato d’ingenuità solo in un paio di occasioni. Grande impegno da parte dei miei, siamo sulla strada giusta per continuare a crescere. Alcuni elementi non erano brillantissimi ma ci sta per gli impegni ravvicinati. Questo è lo spirito giusto per tirarsi fuori dai guai e togliersi qualche soddisfazione. La mia squadra non ha paura, ha iniziato a tirare fuori gli artigli. Quello che serve per mantenere la categoria."

"Sicuramente qualcosa è cambiato, il segnale più importante è l’aggressività e lo spirito di sacrificio di questa squadra. Tutte qualità che prima si intravedevano a sprazzi. Abbiamo vinto una partita contro un avversario non facile, dobbiamo essere felici di quello che stiamo facendo. Machach è stato stellare a Pisa, oggi non si è ripetuto. Deve crescere mentalmente, il talento certamente non gli manca. Siamo contenti di lui perché è un bravo ragazzo, si fa voler bene. Da quanto tempo il Cosenza non aveva un attaccante che a pochi metri dal giro di boa ha realizzato già sette reti? Godiamoci quello che abbiamo. Lo stadio oggi ribolliva di entusiasmo, ce lo siamo meritato!”

Tabellino

MARCATORE: 12′ pt Baez.
COSENZA: Perina; Idda, Monaco (39′ st Capela), Legittimo; Corsi (33′ st Bittante), Bruccini, Broh, D’Orazio; Machach (20′ st Pierini), Rivière, Baez. A disp.: Saracco, Lazaar, Litteri, Schiavi, Sciaudone, Greco, Trovato. All. Braglia.
EMPOLI: Brignoli; Pirrello, Nikolaou, Romagnoli, Veseli; Ricci, Fantacci (23′ st Laribi), Frattesi (43′ pt Dezi); Bajrami (33′ st Stulac); La Gumina, Mancuso. A disp.: Perucchini, Provedel, Donati, Piscopo, Merola, Cannavò, Matteucci. All. Muzzi.
ARBITRO: Ivano Pezzuto di Lecce (Robilotta – Cipressa). IV UOMO: Giovanni Ayroldi di Molfetta.
NOTE: Giornata soleggiata, temperatura sui 15°C. Terreno di gioco in ottime condizioni. Presenti 8.044 spettatori di cui 76 ospiti (6.231 paganti + 1.739 abbonati). Ammoniti: 29′ pt Bruccini (C), 34′ pt Monaco (C), 34′ pt La Gumina (E), 38′ pt D’Orazio (C), 39′ pt Pirrello (E), 26′ st Laribi (E). Espulso: al 35′ st Laribi (E) per doppia ammonizione. Angoli: 4-6 (pt 1-4). Recupero: 4′ + 1′ pt; 6′ st.

Fabio Di Benedetto