Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 25 Novembre 2020
itenfrdees

Presentato nella Sala degli Stemmi della Provincia il Progetto Cyberbulli & Cyberpupe 2 (Return)

Posted On Sabato, 21 Dicembre 2019 09:22

Di cyber bullismo si sente parlare frequentemente, ce ne interessiamo seguendo qualche rubrica, talvolta imparando qualche parola “difficile”, ma come spesso accade con altri problemi sociali, la sofferenza altrui ci scivola addosso, salvo poi sbatterci con la faccia quando si è già insinuata nella vita dei nostri figli. Di Bullismo Informatico si è discusso nella Sala degli Stemmi della Provincia di Cosenza in occasione della presentazione di Cyberbulli & Cyberpupe 2; progetto sponsorizzato dal Corecom Calabria al quale hanno aderito numerosi istituti scolastici della Provincia di Cosenza.

Edoardo Maruca, giornalista professionista e responsabile del progetto promosso dall’Associazione Vento del Sud, ha rendicontato la prima parte ed ha illustrato la seconda che si prevede ancora più entusiasmante. "Agli studenti verrà fornito un test anonimo al quale rispondere con lo smartphone - ha spiegato Maruca - e i risultati verranno analizzati ed elaborati graficamente da Psicologi e Pedagogisti unitamente ai Docenti dei Vari Istituti."

"Avremo anche la simulazione pratica del disagio con giovani “attori” che nei panni del Cyberbullo e della Cyberpupa, evidenzieranno le distorsioni dei rapporti malati”. Al tavolo dei relatori sono intervenuti Luca Muglia, avvocato, responsabile di UNCMLab@Science and Child Law Research e giudice onorario del Tribunale dei Minori di Catanzaro, Emanuele Fadda, docente di Filosofia del linguaggio presso l’Università della Calabria e Chiara Penna, avvocata e criminologa."

"L’assenza dell’On. Giuseppe Giudiceandrea è stata “giustificata” da impegni subentrati. "Capite bene - ha affermato Edoardo Maruca - che per una simile organizzazione sono necessarie sensibilità specifiche. L'On. Giudicendrea, consigliere regionale, ha saputo ascoltare e valutare la nostra idea, fornendoci preziosi consigli sulla realizzazione, ed ora eccoci qui con il progetto sul Cyberbullismo più bello della Calabria".


Redazione

 

News dalla Calabria