Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 27 Settembre 2022
itenfrdees

'Ndrangheta. Orrico (M5s): “quadro inquietante, grazie a inquirenti ma serve volontà di tutti per cambiare le cose”

Posted On Venerdì, 20 Dicembre 2019 10:23
Anna Laura Orrico Anna Laura Orrico

“La Calabria si è svegliata ferita e, per certi versi, stordita per quanto pervicace e profonda è la forza penetrativa della 'ndrangheta nella nostra terra ma, purtroppo, non solo. La portata dell’Operazione Rinascita Scott fa capire bene quanto in profondità è capace di infiltrarsi il potere mafioso, a tutti i livelli”. Così il Sottosegretario ai Beni Culturali, Anna Laura Orrico, unico esponente calabrese di governo, a proposito dell’Operazione Rinascita Scott contro la ‘ndrangheta.

“Non è mio compito esprimere giudizi di merito sulle pagine dell'inchiesta portata avanti con professionalità e dedizione dalla Dda di Catanzaro. Posso e voglio, però, ringraziare pubblicamente per il grande lavoro svolto e per le energie profuse il procuratore Nicola Gratteri e l'arma dei Carabinieri. Hanno dimostrato che lo Stato c’è. Il quadro inquietante, tuttavia, che viene fuori dalle prime notizie ci restituisce una situazione stratificata e complessa, che ostacola il normale compimento della vita democratica di questo Paese."

"Interi pezzi della società civile che, invece di contribuire alla crescita della comunità, hanno preferito asservirsi alle cosche. Un meccanismo, rodato e perverso, capace di rendere asfittico il tessuto imprenditoriale e le legittime aspettative dei tanti cittadini calabresi per bene, costretti a doversi confrontare ogni giorno con questa realtà. Questo terremoto giudiziario deve rafforzare la volontà di cambiare lo stato di cose dolorosamente descritto dall'indagine e di agire per bonificare tutti gli ambienti del nostra società, anche quelli più insospettabili. Da parte nostra, rappresentanti delle istituzioni o semplici cittadini, soprattutto ora, non un passo indietro - conclude Orrico - schierandoci dalla parte dello Stato, dalla nostra parte”.

 


 

News dalla Calabria