Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 16 Agosto 2022
itenfrdees

Carlo Guccione: “Il nuovo ospedale di Cosenza è una grande opportunità"

Posted On Giovedì, 19 Dicembre 2019 09:56

“Il nuovo ospedale di Cosenza è una grande opportunità. Non possiamo perdere l’occasione di realizzare una struttura che servirà a migliorare i servizi ospedalieri e riqualificherà il più grande quartiere della città”. Non ha dubbi il consigliere Carlo Guccione che da anni ormai segue la vicenda e ha portato avanti numerose battaglie per far in modo che l’amministrazione comunale di Cosenza sbloccasse la situazione visto che “le risorse sono state stanziate”. In questi giorni in città è stata distribuita una brochure all’interno della quale Carlo Guccione racconta in breve le criticità dell’Annunziata di Cosenza e i vari passaggi da fare per realizzare il nuovo ospedale a Vaglio Lise e la Cittadella della salute.

“Le condizioni critiche in cui versa l’Ospedale “Annunziata” di Cosenza, Hub regionale con Dea di II livello, edificata negli anni ’30 su un’area di 4,5 ettari, richiedono l’adozione di urgenti provvedimenti. Un adeguato diritto di accesso ai cittadini in condizioni di sicurezza, una offerta sanitaria ispirata a criteri di appropriatezza organizzativa e funzionale: questi devono essere gli obiettivi perseguibili attraverso lo sviluppo di un progetto organico complessivo di realizzazione di un Nuovo Ospedale. Le criticità riducono l’effettiva disponibilità dei posti letto rispetto a quelli previsti negli strumenti di programmazione sanitaria regionale. Oggi all’Annunziata su 705 posti letto previsti dal Dca sulla riorganizzazione ospedaliera 64/2016, ne mancano da attivare 144. Ed è anche per questa carenza di posti letto che la Provincia di Cosenza registra il più alto tasso di emigrazione sanitaria verso le altre regioni d’Italia”. È quanto viene riportato all’interno della brochure.

Il Presidio ospedaliero del “Mariano Santo”, a distanza di circa due km dal plesso principale e anche questo risalente, nel suo nucleo storico, alla fine degli ’30, conta 62 posti letto. Mentre il “Santa Barbara” di Rogliano, distante oltre 15 km dalla città, di più recente edificazione (anni ’60), ed oggetto di significativi interventi di adeguamento nel 2006 e 2009, conta 35 posti letto. L’area di Vaglio Lise è anche quella più idonea individuata dalla Regione Calabria al termine della Conferenza dei Servizi. Area che “si estende per circa dodici ettari e risulta pressoché pianeggiante. Confina a est con i binari della ferrovia, a sud con la stazione Fs, a ovest con la SS 107 e a nord con l’area Amaco."

"Di fondamentale importanza dovrà essere l’integrazione tra i due principali assi di collegamento Cosenza-Rende, ovvero Viale Parco e Viale Crati, in modo tale che il sistema Stazione FS e Ospedale possa aprirsi sia verso Viale Parco, sia verso il quartiere di Via Popilia e completare il Corridoio verde nord sud. L’interramento della SS107, già suggerito dal PSC adottato, darebbe inoltre la possibilità di ridisegnare lo spazio tra via Popilia e viale Crati, tra via G. Storino e il quartiere residenziale a nord, ed integrarlo anche con le attrezzature sportive tra Viale Parco e Via Popilia ed eventualmente con un futuro riutilizzo dell’area della Casa circondariale. Il posizionamento della nuova struttura sanitaria a vocazione regionale e il contestuale intervento di ricucitura degli spazi tra gli assi longitudinali dovrebbe ridare vita alla Stazione FS di Vaglio Lise”.

Capitolo costi - È di 375 milioni il costo per la realizzazione del nuovo ospedale, 45 milioni invece per la nascita della Cittadella della salute (Interventi finanziati con i fondi statali e regionali ex art. 20, L. 67/88 e fondi regionali come da Accordo di Programma). “Non dimentichiamo che i servizi sanitari territoriali dell’Asp nella città di Cosenza sono attualmente dislocati in più di venti sedi diverse, arrivando a circa 800 mila euro all’anno di fitti passivi. Il progetto non è un sogno irrealizzabile - conclude Guccione -. Le risorse ci sono, i fondi sono stati stanziati. Serve solo che il consiglio comunale deliberi di avviare le procedure per la realizzazione individuando l’area del Nuovo Ospedale a Vaglio Lise - Via Popilia e della Cittadella della Salute sull’attuale sito. In questo modo migliorerà l’offerta sanitaria e Cosenza davvero cambierà volto”.

 

 

 

 

 

 

 

News dalla Calabria