Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 26 Settembre 2020
itenfrdees

La fortuna non gira più e il Cosenza crolla al San Vito. Serie B-16^ giornata. COSENZA-PORDENONE 1-2. La sintesi

Posted On Domenica, 15 Dicembre 2019 17:32

COSENZA - La dea bendata latitante da un po’ dal San Vito, gli arbitraggi poco equi e il solito tempo regalato agli avversari, sanciscono l’ennesimo crollo dei rossoblù tra le mura amiche. Termina 2-1 in favore del Pordenone ma il pareggio sarebbe stato più giusto. La decide un super Strizzolo, implacabile sotto porta. Due gol su due occasioni, il massimo per un attaccante. A parte il cinismo del gigante friulano, il Cosenza nella prima frazione di gioco è letteralmente in balìa degli ospiti. Timoroso, impacciato, prevedibile e senza idee. Ne approfitta il neo promosso Pordenone che piazza un uno-due micidiale in appena dieci minuti. La frittata è fatta. A questo punto inizia a giocare la squadra di Braglia che esce alla distanza.

Va vicinissima al 2-1 in apertura di secondo tempo con Rivière che colpisce clamorosamente la traversa a portiere battuto. Poi è Baez che chiama al prodigio l’estremo difensore dei ramarri. Subito dopo ci prova Machach di potenza, ma Di Gregorio c’è. Il gol è nell’aria. E al 28’ arriva grazie ad un bolide dai 30 metri del neo entrato Lazaar. L’eurogol dell’esterno marocchino riaccende il San Vito e l’anima dei silani che iniziano un forcing senza sosta. Cinque minuti più tardi occasionissima sui piedi di Sciaudone che però allarga troppo il piattone e spedisce a lato da buona posizione. Cosenza sfortunato anche in questa circostanza.

Giallo in area neroverde al 36’: i lupi chiedono a gran voce il penalty per un vistoso atterramento ai danni di Idda ma l’arbitro sorvola. I lupi non si arrendono e ci provano fino allo strenuo delle forze, ma invano. Nel finale c’è il tempo per registrare l’espulsione di Camporese che però non servirà a mutare l’esito dell’incontro. Con questo risultato, in attesa di Trapani-Pisa (domani, ore 21.00), il Cosenza scivola al terz’ultimo posto, a -6 dalla zona salvezza. Il tempo per risalire la classifica c’è ma il gap con le altre continua a crescere implacabilmente. Urge una scossa per voltare pagina, già a partire dalla prossima trasferta di Pisa.

Tra le note di colore, c’è da segnalare la doppia premiazione in casa silana per Tommaso D’Orazio e Angelo Corsi per aver raggiunto, rispettivamente, il traguardo delle 100 e delle 200 presenze in rossoblù. 

Così, mister Braglia nel post partita: “Sapevamo della loro fisicità. Sinceramente non ho capito il metro di giudizio dell’arbitraggio. Alterniamo troppo spesso momenti buoni a momenti negativi. Inoltre prendiamo gol troppo facilmente e questo non va bene. Non bisogna rincorrere sempre. Paghiamo caramente tutti gli errori che commettiamo. La reazione di oggi è stata una reazione di nervi. Ho optato per la squadra che mi dava maggiori garanzie. Sulla scelta di Carretta dal primo minuto dico che la mia intenzione era quella di fare una staffetta con Machach. Quando le partite girano male purtroppo c’è poco da fare. Abbiamo peccato di cattiveria e di determinazione, caratteristiche basilari nel calcio di oggi e soprattutto in una categoria come la Serie B. Dobbiamo ritrovare queste doti altrimenti diventa molto dura. Mettiamoci a lavorare per dare una svolta, tiriamo fuori tutto quello che abbiamo a partire da domani”.

Tabellino

MARCATORI: 30′ pt e 40′ pt Strizzolo (P), 28′ st Lazaar (C).
COSENZA: Perina; Bittante, Capela, Idda, D’Orazio (27′ st Lazaar); Bruccini, Greco (14′ st Litteri), Sciaudone; Carretta (1′ st Machach), Rivière, Baez. A disp.: Saracco, Corsi, Broh, Schiavi, Legittimo, Trovato, Monaco. All. Braglia.
PORDENONE: Di Gregorio; Vogliacco, Barison, Camporese, De Agostini; Zammarini (37′ st Mazzocco), Burrai, Pobega (25′ st Pasa); Gavazzi; Strizzolo (14′ st Monachello), Candellone. A disp.: Bindi, Stefani, Chiaretti, Semenzato, Ciurria, Misuraca, Zanon, Bassoli, Almici. All. Strukelj (Tesser squalificato).
ARBITRO: Davide Ghersini di Genova (Affatato – Scatragli). IV UOMO: Ivan Robilotta di Sala Consilina.
NOTE: Giornata mite e soleggiata con temperatura intorno ai 18°C. Terreno di gioco in ottime condizioni. Presenti 4.604 spettatori di cui 11 ospiti (2.909 paganti + 1.739 abbonati). Ammonito: 39′ st Litteri (C). Espulso: al 43′ st Camporese (P). Angoli: 9-11 (pt 4-3). Recupero: 2′ + 1′ pt; 6′ st.

Fabio Di Benedetto

News dalla Calabria