Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Venerdì, 25 Settembre 2020
itenfrdees

Falcone (Cons. Prov. FI Cosenza): Con bocciatura Occhiuto, FI rischia corto circuito fatale

Posted On Domenica, 08 Dicembre 2019 11:48
Mario Occhiuto Mario Occhiuto

Come era ampiamente prevedibile il veto imposto dalla Lega al Sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, subito finanche dal fondatore del partito, Silvio Berlusconi, che, nonostante l'incontro dei tree big del centrodestra si tenesse a casa sua, nella Villa di Arcore, è stato considerato alla stregua di un domestico, non poteva non suscitare indignazione e sconcerto nel partito a livello locale. Ad intervenire nel merito Fabio Falcone, consigliere provinciale di Forza Italia.

"E' un paradosso inaccettabile - afferma Fabio Falcone - la bocciatura di Occhiuto, che da anni lavora sul territorio realizzando straordinari risultati amministrativi e politici riconosciuti ed apprezzati da tutti gli esperti a livello nazionale. A destare scalpore ed amarezza sono soprattutto i modi ed i criteri oscuri con i quali il partito nazionale di Forza Italia sceglie i propri candidati, nonostante i militanti, da sempre impegnati nella ricerca del consenso sui territori, esprimano esigenze totalmente ignorate dai vertici nazionali che sembrano vivere in un'altra realtà."

"Il modus agendi di FI rischia seriamente di consolidare il trend di costante decrescita del partito, ormai impantanato in percentuali lontane dai fasti di un tempo. Il lavoro svolto non e' dunque servito a far recepire le istanze dei tanti militanti ai vertici nazionali. Se Forza Italia perdesse due profili come quelli di Mario e Roberto dovrebbe seriamente interrogarsi sulle dinamiche di un partito che rischia un corto circuito fatale".


Redazione

News dalla Calabria