Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 28 Gennaio 2020
itenfrdees

Regionali 2020, la Lega insiste per Sergio Abramo di Forza Italia, ma, nei fatti, prossimo leghista

Posted On Giovedì, 05 Dicembre 2019 20:05
Sergio Abramo e Matteo Salvini Sergio Abramo e Matteo Salvini

Oramai il progetto è chiaro e limpido. La Lega ha accettato che nella divisione fra le Regioni chiamate al voto la scelta del candidato Governatore venisse affidata a Forza Italia, ma questa è la teoria. Nei fatti, invece, oramai il quadro è chiarissimo. Ostacolare in qualsiasi modo la candidatura già presentata di Forza Italia, quella di Mario Occhiuto, Sindaco di Cosenza, utilizzando una strategia giustizialista che cozza platealmente con il garantismo che la Lega ha sempre ostentato con i suoi rappresentati e, nello stesso tempo, indirizzare la candidatura verso il Sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, temporaneamente in Forza Italia, ma, come sostengono in molti, pronto a passare con la Lega, appena eletto Presidente della Regione per come vorrebbe la Lega di Cristian Invernizzi.

Un gioco talmente limpido che solo chi non comprende nulla di politico non ha ancora capito. Ma il commissario leghista bergamasco, il deputato Cristian Invernizzi, essendo cresciuto nella Lega Nord secessionista di Umberto Bossi ed essendo stato, di conseguenza, per anni ed anni un feroce antimeridionalista non ha, evidentemente, un gran concetto dell'intelligenza media dei calabresi. L'unica speranza è quella che almeno il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, non cada nel tranello di cedere alle pretese e ai veti della Lega con la candidatura di chi è oramai il candidato sponsorizzato dal partito di Matteo Salvini, pur essendo di Forza Italia.

Inoltre sembra anche che il ventaglio di nomi a disposizione di Silvio Berlusconi per non ledere la suscettibilità della Lega si sia ampliato con i nomi rispettabilissimi della senatrice Fulvia Caligiuri, poi quello del deputato Francesco Cannizzaro, seguito dal nome del Senatore Giuseppe Mangialavori, ed, infine, quello della coordinatrice regionale e deputata Jole Santelli. Nessuno di questi però è fra i dieci sindaci bravi che, a giudizio della Lega, potrebbero essere nominati. Cosa farà adesso la Lega, porrà veti anche a questi nomi?. Se lo farà allora la Lega sia sincera e limpida. Dica chiaramente che il candidato di Forza Italia, in quota Lega, deve essere solo e soltanto il Sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo. Così la Lega avrà realizzato il suo proposito.


Redazione

News dalla Calabria