Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 08 Agosto 2020
itenfrdees

Un calendario come messaggio inclusivo

Posted On Martedì, 03 Dicembre 2019 23:25

La meravigliosa e significativa serata di beneficenza Fashion Inclusive organizzata il 27 ottobre 2019 presso la fantastica sede dell’associazione Heart Art Accademy sita a Mendicino (CS), è stato un evento inclusivo unico e molto importante perché il mondo della disabilità è entrato nel mondo della moda con tutta la sua creatività. L’ambiente difficile della moda, di solito, porta in passerella canoni di bellezza che sono solo clichè, dove i modelli e le modelle hanno caratteristiche fisiche che puntano ad una perfezione spesso lontana dalla realtà.

Questa certezza, è stata ribaltata perché tutti i modelli e modelle diversamente abili hanno avuto la possibilità di vivere l’emozione di una sfilata per esprimere la propria passione per il mondo del fashion ed essere protagonista per un giorno, regalando a se stessi ma anche a tutti i presenti un esperienza unica nel suo genere e tutti hanno constatato come la bellezza va al di là della perfezione del corpo, può avere varie forme e rimane tale nella sua diversità Un particolare encomio a Garmy creazioni gioielli e alla stilista Vincenza Salvino perché ha rivolto la sua conclamata creatività anche nel fashion inclusive disegnando abiti in base alle specifiche esigenze dei disabili, senza però dimenticare il desiderio di vestire in modo da esprimere sé stessi e il proprio stile personale.

La manifestazione ha avuto un grande successo e non poteva rimanere un evento di una sera, il messaggio doveva essere esternato per abbattere il pregiudizio che ostacola la ricerca delle soluzioni migliori e impedisce di mettere in atto strategie efficaci anche nel campo della moda dominata dalla “cultura del corpo”. Per questo motivo la vicepresidente Cinzia Lorè e il direttore artistico Anna Maria Coscarello hanno progettato la realizzazione di un calendario con le immagini della sfilata di tutti i modelli e modelle che, anche in situazione di disabilità, hanno dimostrato che la bellezza e la perfezione del corpo non sono categorie assolute. Il calendario è stato realizzato con il contributo del fotografo Remigio che ha curato la fotografia e l’impaginazione.

Il risultato è veramente eccezionale nel suo significato artistico, sociale e umano. Per tale motivo, il 29 novembre, presso la sede dell’Associazione è stato presentato alla presenza del presidente Enrico Borrelli, della vicepresidente Cinzia Lorè, del direttore artistico Anna Maria Coscarello, del fotografo Remigio, di tutti i soci, insegnanti e operatori sociali. I proventi ottenuti dalla vendita del calendario saranno utilizzati per potenziare e realizzare sempre più percorsi che favoriscono l’inclusione in tutti i settori della realtà sociale in cui viviamo, sempre più caratterizzata dall’apparenza, dall’”avere” senza dare. La vendita del calendario ha, anche, un’altra importante funzione cioè quella di veicolare il significato che la diversità è sempre un valore che non deve essere delegato a funzioni sociali limitate.

Bisogna crede in queste persone perché la risposta dipende da come ci poniamo nei loro confronti e non sempre si comprende che le potenzialità umane emergono sempre anche quando sono inficiate da patologie. Basta sfogliare il calendario per constatare che la bellezza e la perfezione sono presenti in tutti i modelli, questa Associazione ha potenziato la loro autostima i loro “io valgo” come tutti gli altri. Complimenti, il calendario è il più bel dono che si vuole regalare perché si regala un messaggio che non sempre si comprende.

 

News dalla Calabria