Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Venerdì, 21 Gennaio 2022
itenfrdees

De Caprio: "L’affitto lo pago io". Il sindaco di Orsomarso pur di preservare la caserma dei Carabinieri fa fronte alle spese relative al canone della sede municipale

Posted On Sabato, 23 Novembre 2019 08:57
Antonio De Caprio Antonio De Caprio

Nell’ultimo consiglio comunale di Orsomarso, i l sindaco Antonio De Caprio ed il suo esecutivo rinunciano a qualsiasi forma di introito relativo all’espletamento delle funzioni pubbliche. De Caprio ha deciso di rinunciare alla sua indennità di primo cittadino, destinandola per pagare il fitto dell’attuale sede comunale. Questa decisione scaturisce dall’importanza di mantenere il comando locale dei carabinieri ad Orsomarso, rientrato nel piano nazionale di razionalizzazione delle caserme, attuato dal Ministero dell’Interno che ne prevedeva la chiusura nei piccoli centri.

Gli uffici comunali, infatti, sono stati spostati nel centro storico, in un immobile di proprietà dell’Ente Parco Nazionale del Pollino. In questo mandato gli amministratori orsomarsesi rinunciano, per il secondo mandato, all’indennità di funzione. Nello specifico De Caprio destina l’intera indennità, ovvero, 1.300 euro mensili, per il pagamento del canone di locazione per la sede comunale, convenuto in euro 404,91 mensili, mentre la restante somma verrà utilizzata per le varie attività che l’amministrazione svolgerà.

"La sicurezza pubblica - spiega Antonio De Caprio, sindaco di Orsomarso - deve essere garantita come diritto essenziale agli stessi livelli e nelle stesse condizioni in tutto il territorio italiano. Vivere in un piccolo comune non può essere considerata - continua De Caprio - una condizione discriminante del livello di vita di chi decide di abitare in questi splendidi borghi ricchi di storia, cultura, tradizioni e natura". La Prefettura, recentemente, con una nota ha richiesto ai comuni di rinvenire locali, anche privati, da adibire a caserma dei carabinieri, come da decreto legge n.135 del 07.08.2012.

"I numeri parlano chiaro - spiega De Caprio - il basso tasso di reati commessi nel nostro comune è indice inequivocabile del successo, in tema di prevenzione, che la presenza della caserma dei carabinieri locale ha garantito negli anni svolgendo un ottimo lavoro. Il futuro - conclude il sindaco - dei piccoli comuni non può essere cancellato sulla base di analisi meramente statistiche".

 

 

 

 

News dalla Calabria