Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 18 Gennaio 2020
itenfrdees

Simpatia per movimento delle sardine. C’è necessità di far crescere la cultura della solidarietà e della non violenza, ma anche quella libertaria e non giustizialista

Posted On Venerdì, 22 Novembre 2019 08:59

Riceviamo dal nostro assiduo lettore, Vincenzo Gallo e volentieri pubblichiamo: "Provo simpatia per il movimento delle sardine e condivido i valori che esprime. C'è necessità in Italia di far crescere la cultura della solidarietà, della non violenza e non certo dell'odio, però anche una cultura libertaria e non giustizialista. L'Italia sta cercando di uscire da una delle crisi più gravi dal dopoguerra che ha creato grande difficoltà tra le partite Iva e tra chi non ha potuto godere in questi anni della protezione di un posto fisso nella pubblica amministrazione."

"Sono entrate in crisi intere filiere, solo nel settore delle costruzioni sono stati persi 600.000 occupati. Sono state migliaia le imprese di tutti i settori, gli artigiani e i professionisti che sono falliti o che sono stati costretti a chiudere, la povertà ha subito un forte incremento e sono stati numerosi gli imprenditori e i cittadini che si sono suicidati. Si commette un clamoroso errore se non si parte da queste considerazioni e se si punta soprattutto su più tasse e manette."

"Non bisogna cercare di creare uno stato di polizia, chiedendo anche la riduzione della protezione sociale e l'eliminazione del reddito di cittadinanza. C'è necessità di tenere conto che anche chi ha lavori precari o ha una pensione al di sotto dei 1000 euro (il 70% del totale) è in uno stato di grande disagio. C'è necessità di più investimenti in tempi rapidissimi, di più sviluppo e di più equità sociale, però senza comprimere i diritti e le libertà individuali."

 

 

News dalla Calabria