Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 17 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Braglia suona la carica: "Cosenza, ora non fermarti"

Posted On Venerdì, 08 Novembre 2019 11:43
Piero Braglia Piero Braglia

COSENZA - Il sergente Piero Braglia suona la carica. In vista del delicatissimo match di Trapani, il tecnico toscano tiene alta la concentrazione del gruppo rossoblù. “In Serie B non ci sono partite facili, il Trapani è una squadra che gioca sempre bene e non è assolutamente la classica squadra materasso”. Così il trainer silano in apertura di conferenza stampa. “Si stanno anche rinforzando - continua Braglia - vedi l’acquisto di Biabiany. Loro hanno delle aspettative, così come le abbiamo anche noi. Dobbiamo prepararci bene e farci trovare pronti per questa partita”.

Poi un passaggio su Pierini, un po’ accantonato in quest’ultimo periodo: “Nessun problema con lui, è un giocatore importante per noi. Ogni elemento può avere la sua opportunità e diventare fondamentale in un attimo. Penso sia giusto valutare partita per partita e settimana dopo settimana”.

Possibilista sull’undici di domenica: “La base - spiega - è questa, nessuno vuole stravolgerla ma qualcosina potrebbe cambiare”. “Mi aspetto un Trapani che gioca al calcio. Hanno delle mezzali pericolose, buone idee di gioco e spesso prendono in mano il pallino del match. Ho sempre visto una buona squadra con individualità di un certo spessore. Non mi sembra una squadra allo sbando, anzi”.

“Noi - conclude mister Braglia - dovremo giocare una grande partita. Se manteniamo lo stesso livello di lunedì porteremo a casa qualcosa. Io non guardo mai al passato, il fatto che abbiamo una tradizione favorevole con il Trapani non conta nulla. Stiamo risalendo la china, non dobbiamo fermarci, non ci si può permettere alcun tipo di rilassamento”.

FdB