Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Print this page

La trasformazione digitale passa da Rende

Posted On Sabato, 09 Novembre 2019 09:30

La Herzum S.r.l., società di consulenza informatica e di sviluppo software, con sede operativa e legale a Rende dal 2012, leader nelle metodologie Agili e DevOpse principale fornitore di servizi Atlassian nel mondo, come Software Factoryin partnership con il Dipartimento di Ingegneria Informatica, Modellistica, Elettronica e Sistemistica, presenta martedì 12 novembre nella sala stampa dell’Università della Calabria il nuovo nato, il progetto: “DeFacto”.

Il progetto di ricerca e sviluppo cofinanziato dalla Regione Calabria nell’ambito del POR CALABRIA FESR-FSE 2014-2020, ASSE I - Promozione della Ricerca e dell’innovazione, Obiettivo specifico 1.2 “Rafforzamento del sistema innovativo regionale e nazionale”, Azione 1.2.2 “Supporto alla realizzazione di progetti complessi di attività di ricerca e sviluppo su poche aree tematiche di rilievo e all’applicazione di soluzioni tecnologiche funzionali alla realizzazione delle strategie di S3”, vuole apportare una soluzione innovativa per l’applicazione efficace e sicura di pratiche agili e di DevSecOps nella gestione del ciclo di vita dei componenti software.

Gli obiettivi di DeFacto sono: definire un Ecosistema Digitale per una software “FACTOry of the Future"; realizzare un prototipo di piattaforma tecnologica a servizi intelligenti di Defacto; rendere più efficace, intelligente e competitiva la linea di produzione industriale ed il ciclo di vita dei componenti software; progettare modelli e metodi di ottimizzazione matematica per l'allocazione di risorse nell'ecosistema digitale; migliorare la competitività della Herzum nel settore dei servizi della "digitaltrasformation" e rendere operativo DeFacto in ambito IoT, realizzando un prototipo software strettamente integrato nell'ecosistema digitale.

Defacto infatti, attraverso un approccio olistico e centralizzato disegna i processi di produzione di un’azienda, rispettando la compliance aziendale. In pratica crea la base digitalizzata di un’impresa. Si può anche parlare con Defacto, utilizzando l’assistente personale Alexa. La factory del futuro, tra le altre cose, assolve un compito importante, quello di mettere al centro del progetto la Security, intesa come primo cittadino.

Le possibili faglie, grazie a questo sistema, vengono rilevate nella catena prima di arrivare alla fine. “Obiettivo di Herzum con il progetto Defacto–dicono gli ingegneri Agostino Bruno, amministratore della società e Marco Mancuso, responsabile del progetto - è quello di creare una vera e propria Platform as a Service e posizionare Herzum come leader nei servizi di DevSecOps e CDRA a livello mondiale. Tutto questo necessita ancora di un altro anno di investimento e sviluppo”.


Redazione