Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 13 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Banca Centrale Europea, inizia l'era Lagarde sulla scia di Draghi

Posted On Sabato, 02 Novembre 2019 08:10
Christine Lagarde e Mario Draghi Christine Lagarde e Mario Draghi

Christine Lagarde ha preso ufficialmente le redini della Bce succedendo a Mario Draghi. Lo ricorda la stessa Banca Centrale Europea. "Benvenuta, Christine Lagarde, le diamo il benvenuto come nuova presidente della Bce. Le auguriamo tutto il meglio per il suo mandato di otto anni", si legge sul sito della Banca centrale europea che posta una foto della francese. Christine Lagarde, ex numero uno del Fondo monetario internazionale, "ha assunto oggi le sue funzioni di presidente della Banca centrale europea (Bce)", si legge in un comunicato.

"È stata nominata dal Consiglio europeo il 18 ottobre 2019 per un mandato di otto anni" e "succede a Mario Draghi, che è stato presidente della Bce dal primo novembre 2011 al 31 ottobre 2019". A tracciare la strada c'è l'eredita lasciata da Mario Draghi che nei precedenti otto anni si è fatto paladino della riforma della governance economica dell'euro e ha cambiato profondamente il volto della Bce rendendola protagonista e sempre più centrale, promettendo di proteggere l'economia dei Paesi Ue e l'integrità dell'euro "whatever it takes".

Un'eredità che contempla tra l'altro il lancio del quantitative easing, riavviato appena il mese scorso, ma anche l'avere spronato direttamente i governi europei, soprattutto Berlino, a intervenire per la crescita con politiche di bilancio espansive, fino al nuovo taglio dei tassi. Lagarde potrà così proseguire nella rotta tracciata dall'italiano che le ha lasciato una Banca centrale europea già ben avviata in una nuova fase di stimolo monetario. E poi quell'attestazione di fiducia che le ha fatto lo stesso Draghi in occasione della cerimonia per il suo addio lo scorso 28 ottobre: "ho la massima fiducia che sarai una magnifica leader alla Bce".