Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Venerdì, 16 Aprile 2021
itenfrdees

Zingaretti: "Il Partito democratico va rifondato, basta egoismi e conflitti"

Posted On Giovedì, 31 Ottobre 2019 09:17
Nicola-Zingaretti Nicola-Zingaretti

"Il Partito democratico va rifondato e bisogna smetterla con egoismi e conflitti interni, perché i cittadini impauriti vogliono ritrovare la loro casa in cui esprimere bisogni, desideri e talenti." Lo ha scritto il segretario dem, Nicola Zingaretti, in un intervento sul Corriere della Sera. “La destra ha saputo più di noi cogliere lo smarrimento degli italiani, lo sradicamento di legami antichi, la paura della frammentazione e della dispersione”, ha ammesso Zingaretti, spiegando che tra i motivi del successo di Matteo Salvini e della Lega ci sono “la presenza sul territorio” e il saper proporre “approdi forti e chiari”.

Certo, ha aggiunto il segretario del Pd, sono approdi “autoritari, regressivi e intollerabili per noi, illiberali e xenofobi”. “Ma sono approdi, forme cui aggrapparsi”, è l'analisi del leader dem, “simboli identitari e sicurezze ideologiche” che danno forza e sostanza ai singoli e alla collettività". “Salvini è il migliore a raccontare e rappresentare i problemi” ma è anche “il peggiore a risolverli”, ha chiosato subito dopo.

Di più: “È un tifone di bugie raccontate con un sorriso”. Da qui l’autocritica, perché di fronte a questo enorme macigno “il centrosinistra non è stato in grado di fare altrettanto sulla base di un suo rinnovamento ideale, programmatico e identitario”, ha scritto ancora Zingaretti, che nell’analizzare questa dispersione di forze e di intenti ammette che per arrivare a questo punto “ci abbiamo messo anche qualcosa di nostro”.

In particolare ha lamentato “una storia di conflitti, separazioni, di chiusure e a volte di egoismi”, l’essersi chiusi a riccio “nel proprio io”, nelle proprie certezze. “Solo nel campo democratico è stata così forte la spinta a difender e le proprie posizioni in modo assertivo e solitario”, ha accusato. Di qui la necessità di una rifondazione del Pd: “Non si tratta di cambiare qualche regola ma di una scelta politica di fondo”, ha avvertito Zingaretti, "ma di “cambiare davvero tutto per dare alla democrazia italiana un soggetto plurale ricco e partecipato della politica” secondo i principi di“ricostruire una comunità aperta”.

 

 

Fonte: affaritaliani.it

News dalla Calabria