Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 14 Luglio 2020
itenfrdees

26° rapporto di Legambiente e Ambiente Italia, la Città di Cosenza scivola dal 5° posto della classifica 2018 al 14° del 2019

Posted On Martedì, 29 Ottobre 2019 08:44

Il 26° rapporto di Legambiente e Ambiente Italia, pubblicato sul Sole 24 ore, ci racconta una verità più amara di quella propinata da una certa stampa sulla Città di Cosenza che scivola dal 5° posto della classifica 2018 al 14° del 2019. La Città dei Bruzi peggiora in diversi parametri e gli indici negativi si registrano su tutte e 5 le macroaree (rifiuti, ambiente, mobilità, aria ed acqua). La bocciatura risulta sonora soprattutto sui rifiuti: peggiora la raccolta differenziata e soprattutto la produzione di rifiuti pro-capite, un tempo considerati fiore all’occhiello per Cosenza.

Peggiora anche nella posizione nell’ambiente a causa del minor numero di alberi, sacrificati sull’altare di nuove opere pubbliche ricche di cemento e poveri di verde. Peggiora il tasso di Motorizzazione nella Mobilità. Nell’aria poi si registra una debacle, aumenta infatti la produzione di “Biossido di azoto” e peggiora il piazzamento per l’Ozono, del resto il traffico impazzito di tutti questi mesi conferma che l’inquinamento in città cresce. Peggiorano i consumi di acqua pro-capite, segno di una fornitura ad intermittenza che genera consumi maggiori quando il cittadino tenta, a volte invano, di preparare scorte del prezioso liquido.

I dati pubblicati fanno riferimento a quelli forniti nel 2018, ma sicuramente questo posizionamento non fa bene alla Città. Il sindaco che si è “sbracciato” per segnalare lo scorso anno il “buon piazzamento” dovrebbe giustificare in qualche modo lo scivolone di quest’anno (ben nove posizioni), senza cadere nella tentazione di guardare, gloriandosi, verso il basso della classifica, e questo per non fare la fine d’ o 'gallo 'ncoppa 'a munnezza.

Sergio Nucci, "Buongiorno Cosenza"

 

 

 

News dalla Calabria