Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 26 Gennaio 2020
itenfrdees

"Gangsters a Cosenza", quando le analisi antimafia erano circondate da serietà e personaggi di levatura

Posted On Domenica, 27 Ottobre 2019 09:27

"Gangsters a Cosenza" rappresenta in assoluto il primo lavoro bibliografico di 213 pagine sul fenomeno criminale cosentino. Venne pubblicato nel lontanissimo 1982, in piena guerra di mafia, dalla Effesette Editori di Cosenza e raccolse tutti gli atti del'omonimo convegno che si tenne il 10 gennaio 1982. A promuovere l'iniziativa l'università della Calabria con il Prof. Pino Arlacchi, la triplice Cgil - Cisl e Uil, Magistratura democratica ed il Siulp. Interssante la relazione a firma di Pino Arlacchi: "Gangsterismo e società a Cosenza".

Di notevole spessore anche la relazione di Ciro Saltalamacchia, allora magistrato di sorveglianza dal titolo "Magistratura e istituzione carceraria nello sviluppo della criminalità a Cosenza". Fra i tanti relatori al convegno il magistrato Vincenzo Macrì e gli On.li Giacomo Mancini, Francesco Martorelli e Stefano Rodotà, solo per fare qualche nome. Questo quando le analisi antimafia erano circondate da serietà e personaggi di levatura. Oggi, invece, ognuno parla di legalità senza alcuna storia e senza alcuna conoscenza del fenomeno seguendo la moda dell'antimafia saltellante e ballerina, parolaia ed inconcludente...

Gianfranco Bonofiglio

 

 

 

 

 

 

News dalla Calabria