Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 13 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Renato Turano, il "Re del Pane". Da Castrolibero a Chicago per realizzare il “sogno americano”

Posted On Venerdì, 25 Ottobre 2019 10:42
Renato Turano Renato Turano

Nato in Calabria il 2 ottobre 1942, in una piccola frazione di Castrolibero (CS), Renato Turano, si è trasferito negli anni cinquanta negli U.S.A, a Chicago, con i genitori ed i fratelli, per realizzare il “sogno americano”. Nel 1962 la famiglia acquistò un piccolo panificio, poi trasformato nella più grande azienda di produzione di pane artigianale del Nord America. Renato Turano è un uomo d’affari italo-americano. Uomo di successo in America ha dedicato la propria vita a condividere tali successi con i suoi concittadini italiani. Oggi Turano è presidente della Campagna-Turano Baking Co. ed anche chairman dell’American Bakers Association (ABA).

Sposato da più di 40 anni, con 3 figli e 9 nipoti, Turano condivide le speranze ed i sogni della prima, seconda, terza e quarta generazione di Italiani in America. Le radici sono importanti. Non si possono recidere e identificano la nostra storia e la nostra identità. Permettono di mantenere saldo quel legame con la nostra terra natia che a volte si è costretti a lasciare. Emblema di questa sintesi sono i Calabresi residenti all’estero. Renato Turano è molto orgoglioso della sua calabresità più che dei tanti riconoscimenti ottenuti per le capacità imprenditoriali e culturali.

Oggi l'azienda Turano è la più grande produttrice di pane artigianale del Nord-America. Ma ancor più dell'imprenditore capace di affermarsi nel sistema più competitivo del mondo, quello americano, ad affascinare coloro i quali lo conoscono e l'ascoltano è il palpabile e indissolubile legame che mantiene con la sua terra, che ha sempre fatto parte della sua vita e certamente lo ha guidato nelle sue scelte.

Ha operato alla guida di una importante Associazione, la C.I.A.O. (Calabresi in America Organization) che mantiene una fattiva e concreta collaborazione con Enti, Istituzioni ed Associazioni culturali che operano sul nostro territorio calabrese, e tra queste, una in particolare, con sede a Castrolibero in ricordo del papà scomparso nel 1989, l'Associazione Mariano Turano. Una cooperazione che con l'ausilio di due Università, la nostra e quella del Wisconsin, è riuscita a produrre non solo gemellaggi, convenzioni, scambi sociali e culturali, ma anche offrire ogni anno a un certo numero di laureati meritevoli del Dipartimento di Scienze Aziendali e giuridiche dell'Unical, l'opportunità di fare esperienza formativa in territorio americano sul tema della Cultura d'Impresa.

L'Università del Wisconsin, gli ha conferito un dottorato honoris causa dopo una laurea in Economia e un master in Business Administration presso l’Università di Chicago. Con i calabresi in America mantiene da sempre rapporti strettissimi, ha presieduto anche il Columbiana Club of Chicago, Casa Italia ed ha rappresentato per il Midwest l'associazione “Assocamerestero” che raccoglie 49 Camere di Commercio italiane locate in varie Nazioni su tutti i Continenti, e a tal proposito è stato chiamato a rappresentare i cittadini italiani residenti nella circoscrizione estera “America Settentrionale e Centrale”. Una circoscrizione che comprende Canada, Stati Uniti, Messico, America Centrale e Caraibi, che lo ha eletto per ben due volte Senatore della repubblica Italiana, mandato che ha svolto sempre con la massima serietà ed assicurando una presenza lodevole considerata la distanza tra la sua residenza e Roma.

Renato Turano incarna uno degli esempi plastici di come sia veritiero che gli italiani all'estero possano davvero diventare un valore aggiunto per il nostro Paese, soprattutto in un momento di grande crisi come quello attuale. Un bagaglio di esperienze e cultura che potrebbe arrivare a noi proprio da quelle persone che hanno lasciato la nostra Calabria, che sono partite e che hanno di certo avvertito uno strappo che nel tempo può lenirsi e forse mai guarire del tutto.