Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 07 Dicembre 2019
itenfrdees

Mario Draghi, slancio Eurozona rallentato più del previsto

Posted On Martedì, 24 Settembre 2019 09:22
Mario Draghi Mario Draghi

"Dalla mia ultima audizione davanti a questa commissione lo slancio della zona euro è rallentato significativamente, più di quanto avevamo anticipato. Il Pil è ora previsto a 1,1% nel 2019, meno 0,6 punti dalle proiezioni di dicembre, e 1,2% nel 2020, meno 0,5 punti da dicembre": lo ha detto il presidente della Bce Mario Draghi nella sua ultima audizione al Parlamento Ue. Debolezza del commercio internazionale, incertezza legata al protezionismo sono i fattori principali, secondo Draghi.

"Ci serve una strategia economica coerente nella zona euro, che completi l'efficacia della politica monetaria", ha detto Draghi, perciò la Bce è stata unanime nel chiedere "un maggiore contributo alle politiche fiscali". In vista del rallentamento e dei rischi al ribasso, "i governi con spazio nei bilanci, che affrontano un rallentamento, dovrebbero agire con tempestività, e allo stesso tempo i governi con alti debiti dovrebbero perseguire politiche prudenti e rispettare gli obiettivi" Ue.

A chi gli chiedeva cosa dovrebbe fare un Paese come l'Italia per crescere, Draghi ha risposto: Riforma del sistema giudiziario, dell'istruzione, della ricerca: sono alcune delle riforme che "ogni Paese dovrebbe fare se ha come priorità la crescita, come dovrebbe essere". La crescita è un problema che riguarda molti Paesi, ha aggiunto, che l'agenda di riforme strutturali è la chiave.

 

 

Rubriche

News dalla Calabria