Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 16 Luglio 2020
itenfrdees

In Campania via libera al referendum per la macroregione del Sud che comprende Calabria, Molise, Basilicata, Puglia, Sicilia, Abruzzo e Campania

Posted On Martedì, 24 Settembre 2019 08:26
Stefano Caldoro Stefano Caldoro

In Campania i promotori del referendum per la costituzione della macroregione del Sud, dopo aver raccolto le firme necessarie, hanno ottenuto il placet per gli otto quesiti che saranno sottoposti a consultazione elettorale territoriale per come previsto dallo statuto della Regione Campania. E' stata presentata per come prevedono le norme che regolano la complessa materia alla direzione attività legislative del Consiglio Regionale la proposta di delibera per l'indizione del referendum. Spetta ora al Consiglio Regionale fissare la data della consultazione.

Fra i promotori più autorevoli del comitato promotore del referendum, Stefano Caldoro, già deputato e già Presidente della Regione Campania, che in merito al via libera ottenuto ha sostenuto che "ottenere autonomia con identità, in una logica di Sud unito significa che le regioni sanno gestire il proprio ruolo in un ambito di responsabilità ma in assoluta equità. Il Sud deve pretendere quello che manca". Fra gli otto quesiti proposti quello che riguarda la costituzione di una Macroregione che comprenda tutte le regioni del Mezzogiorno, Campania, Calabria, Molise, Basilicata, Puglia, Sicilia e Abruzzo.

"È già previsto dalla Costituzione - afferma Stefano Caldoro - che le Regioni possano costituire dei processi macro sui grandi temi, come ambiente, trasporti e sanità. E questa à una via moderna rispetto alla politica dello scontro". Per Alessandro Sansoni, presidente del comitato promotore della macroregione del Sud "il Mezzogiorno ha la necessità di avviare un processo di autonomia sulla base delle proprie esigenze. E questo processo ci pone all'avanguardia, perché la macroregionalizzazione è già l'indirizzo dell'Unione Europea".


Redazione

 

News dalla Calabria