Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 29 Gennaio 2020
itenfrdees

E adesso comanda Matteo Renzi, da oggi il governo è più debole, Conte, M5S, Pd, cosa cambia con la scissione dell'ex premier

Posted On Martedì, 17 Settembre 2019 14:29
Matteo Renzi Matteo Renzi

Da "Enrico stai sereno" a "Giuseppe stai sereno" il passo è relativamente breve. D'altronde sono trascorsi solo cinque anni (2014-2019). La scissione nel Partito Democratico da parte di Matteo Renzi e dei suoi fedelissimi, anche se almeno per il momento non tutti, produce inevitabilmente un indebolimento del governo Conte bis. Con una pattuglia di circa trenta parlamentari e con 12 se non addirittura 15 senatori, i renziani diventano determinanti sul piano numerico a Palazzo Madama, mentre alla Camera Pd, M5S e LeU restano autosufficienti. Il rischio di scivoloni e trappole in Aula e soprattutto in Commissione è da oggi più alto. Di fatto l'ex premier ed ex leader dem, nonostante i sondaggi lo accreditino al massimo al 5%, ha in mano le sorti dell'esecutivo e della legislatura.

Sarà lui a poter condizionare l'azione di governo pur non facendone parte. Non solo. Il fatto che una fetta di renziani sia ancora nel Partito Democratico - su tutti Luca Lotti e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini - dimostra che l'ex premier e leader dem potrà in parte ancora condizionare anche le scelte del Pd e non solo dei suoi nuovi gruppi parlamentari. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ora non avrà più da mediare solo tra Pd, 5 Stelle e gruppi minori ma dovrà trovare la sintesi anche con i renziani a partire dalla Legge di Bilancio per passare al caso Autostrade-concessioni fino a tutti i temi più spinosi e delicati dell'agenda politica. Nicola Zingaretti non è più l'unica controparte dei 5 Stelle e per forza di cosa il Pd avrà meno voce in capitolo dovendo sempre cercare l'intesa anche con gli scissionisti del Nazareno.

Ma a subire più di tutti lo strappo tra i dem sono Luigi Di Maio e il M5S. I pentastellati fin dai primi giorni delle consultazioni al Quirinale dopo la crisi aperta da Matteo Salvini hanno sempre affermato di non sedersi nemmeno al tavolo con Renzi e di trattare solo con Zingaretti e i vertici dem. Da oggi non sarà più così. Renzi è ufficialmente e a tutti gli effetti un alleato di governo dei 5 Stelle con il quale dovranno fare i conti. Una svolta non facile da spiegare a una base già in fermento per la decisione di sposare il Pd. Il rischio è quello di un proliferare di casi Paragone in Parlamento visto che per il M5S Renzi è da sempre il nemico numero uno (la sequela di dichiarazioni contro l'ex premier degli ultimi anni è innegabile). Insomma, Renzi se ne va dal Pd ma non dal governo diventandone l'azionista di maggioranza, non numericamente ma grazie a una sorta di golden share politica. Il passo da "Enrico stai sereno" a "Giuseppe stai sereno" è davvero breve.


Articolo scritto da Alberto Maggi
Fonte: www.affaritaliani,it

 

News dalla Calabria