Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 09 Dicembre 2019
itenfrdees

Piero Minutolo: "Lentezza individuazione modalità, progetti e tempi di utilizzazione stanziamento di 90 milioni di euro per la rigenerazione del centro storico di Cosenza"

Posted On Domenica, 08 Settembre 2019 11:17
Piero Minutolo Piero Minutolo

"Fa bene il presidente della Provincia Franco Iacucci a sottolineare la lentezza con cui si procede all’individuazione di modalità, progetti e tempi di utilizzazione dello stanziamento di novanta milioni di euro deliberato dal Cipe per la rigenerazione del centro storico di Cosenza su iniziativa del Ministro pro tempore Dario Franceschini, ritornato adesso alla guida del ministero. Sono certo che il Ministro, proprio perché artefice del finanziamento, darà un forte impulso all’attività di coordinamento dei soggetti istituzionali competenti per giungere alla definizione degli adempimenti necessari ad avviare in tempi ragionevolmente brevi gli interventi operativi. Desidero, tuttavia, evidenziare che dell’utilizzo di questi fondi abbiamo discusso con il Presidente Franco Iacucci qualche mese fa durante un incontro da noi richiesto alla Provincia."

E' quanto scrive in un comunicato stampa Piero Minutolo, Presidente Associazione “Io partecipiamo” ed ex Sindaco di Cosenza. "In quella circostanza una delegazione dell’associazione “Io partecipiamo” gli suggerì di farsi promotore di una proposta rivolta all’adozione di un protocollo d’intesa tra Governo, Provincia, Comune di Cosenza e Regione Calabria finalizzato a impegnare parte del finanziamento per la ristrutturazione dell’ex Istituto Tecnico Commerciale Statale “A. Serra” di via Bendicenti, di proprietà della Provincia. L’edificio, una volta ristrutturato, dovrebbe essere acquisito dalla Regione per destinarlo a sede di gran parte dei servizi sanitari dell’ASP adesso dislocati in diverse zone della città dei Bruzi."

"Nel finanziamento bisognerebbe comprendere anche la realizzazione in zona di un parcheggio multipiano per rendere più agevole l’accessibilità degli utenti alla struttura, attualmente inutilizzata, che ha una superficie di ben 3.208 metri quadri e un valore commerciale di circa un milione e trecentomila euro. Riteniamo doveroso, pertanto, reiterare la nostra proposta perché siamo convinti che, se accolta, potrà perseguire almeno tre interessi pubblici rilevanti:

1) portare la sanità nel centro storico per poter avviare concretamente la rigenerazione non solo strutturale ma soprattutto sociale di alcuni importanti quartieri quali “Cafarone”, “Spirito Santo”, “Sant’Agostino” e “Casali”

2) la Provincia di Cosenza ricaverebbe dall’alienazione dell’immobile almeno un milione di euro e verrebbe sollevata dall’obbligo di sostenere ingenti spese per impedirne il deperimento strutturale

3) la Regione con l’acquisto a costo zero dell’edificio realizzerebbe una considerevole economia di spesa non dovendo più impegnare annualmente diverse centinaia di migliaia di euro per i fitti passivi dei locali dell’ASP ubicati nella città di Cosenza."

"Non si può restare eternamente in attesa del nuovo ospedale e della cosiddetta “Cittadella della salute” da realizzare nelle strutture attualmente occupate dall’Annunziata - conclude Minutolo - per accentrare i servizi sanitari cittadini e razionalizzare la spesa. Non v’è chi non veda che la realizzazione e l’entrata in funzione di questi presidi sanitari, tenuto conto della diffusa propensione al rinvio delle decisioni politiche e dei lunghi tempi d’attuazione delle opere pubbliche in Calabria, avverrà se avverrà, in un giorno futuro, incerto e, comunque, molto lontano. Ci piacerebbe se alla ripresa dei lavori del tavolo tecnico interistituzionale la Provincia si facesse carico di portare avanti questa nostra proposta."



 

 

Rubriche

News dalla Calabria

  • L’Albero della Pace, decorato dal fashion designer Claudio Greco, illumina il santuario di Paola L’Albero della Pace, decorato dal fashion designer Claudio Greco, illumina il santuario di Paola
    E’ tra le mura del santuario di San Francesco di Paola e in totale spirito natalizio che nasce la collaborazione tra la società Aon, nella persona di Francesco Trebisonda, e il fashion designer Claudio Greco. Un atto di fede e generosità da parte di entrambi. L’albero di Natale infatti è stato donato da Francesco Trebisonda e decorato dallo stilista Claudio Greco. La società Aon si occupa di fornire supporto e competenze specifiche nella definizione delle strategie che consentono di gestire…
    Sabato, 07 Dicembre 2019 09:00
  • "I Comuni del cuore". Orsomarso anche quest’anno aderisce all'iniziativa Telethon contro le malattie genetiche rare regalando agli alunni orsomarsesi un cuore di cioccolata "I Comuni del cuore". Orsomarso anche quest’anno aderisce all'iniziativa Telethon contro le malattie genetiche rare regalando agli alunni orsomarsesi un cuore di cioccolata
    Orsomarso, dal 2016, nella rete dell'iniziativa Telethon "I Comuni del cuore", cioè tra quegli enti locali che si schierano, attraverso azioni concrete, al fianco di chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica rara. La Giunta comunale della cittadina tirrenica cosentina ha delibereto una donazione di 1.500,00 euro, attingendo al fondo realizzato con le indennità che l’intero consiglio sta lasciando mensilmente nelle casse del comune. In questo modo si potranno acquistare i cuori di cioccolata da donare agli alunni del…
    Venerdì, 06 Dicembre 2019 08:54
  • Cosenza, IIS "Da Vinci - Nitti", Aula Magna, 12 e 13 dicembre, "Corso di formazione sull’Educazione alla Cittadinanza Globale" Cosenza, IIS "Da Vinci - Nitti", Aula Magna, 12 e 13 dicembre, "Corso di formazione sull’Educazione alla Cittadinanza Globale"
    “L’educazione ci permette di capire in profondità che quello che ci accomuna è l’essere cittadini della comunità globale e che le nostre sfide sono interconnesse”. (BanKi-moon, Segretario Generale ONU). Il corso affronta il tema della cittadinanza globale, partendo dall'Agenda 2030 ONU per lo Sviluppo sostenibile e dalle problematiche connesse ai flussi migratori; e vuole esser parte di un percorso di avvicinamento alla futura disciplina Educazione civica (Legge n.92/2019).
    Giovedì, 05 Dicembre 2019 10:56