Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 05 Dicembre 2019
itenfrdees

Vincenzo Granata (Lega): "Il maestro di filosofia delatore Nicola Morra, impreparato e inconsistente. L’imbecillità è il collante di ogni forma di malvivenza"

Posted On Venerdì, 23 Agosto 2019 08:59
Vincenzo Granata Vincenzo Granata

"Un personaggio politico supponente, inconsistente e chiaramente impreparato che sfrutta la retorica della ndrangheta per denigrare l'avversario politico, fomentando una criminalizzazione che ricade su Salvini, ma anche su tutti i calabresi che oggi vengono visti tutti come una grande cosca mafiosa. Vi è di più da molti anni in Calabria, si sono formati "gruppi di lavoro" che fanno capo all'impegno paragiudiziario dell’insegnante filosofo Morra, del Movimento 5 Stelle di Cosenza divenuto poi Senatore e Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, del quale a suo tempo avevo a segnalare una parossistica presenza in Uffici ed anticamere del Palazzo di Giustizia."

E' quanto scrive in un comunicato il Consigliere Comunale Lega Città di Cosenza, Vincenzo Granata. "Pare dunque, che tali "gruppi di lavoro", che potrebbero chiamarsi "gruppi di delazione organizzata", si siano creati tra gli "Amici del Bar dello Sport", base del Movimento 5 Stelle di Cosenza, che "conducono istruttorie popolari" di presunti, presumibili e non presumibili reati contro la Pubblica Amministrazione, che, poi, esibiscono, magari con quel tanto di "autorevolezza" che loro deriva dal fatto di essere del partito del Presidente dell'Antimafia, negli Uffici della Guardia di Finanza o di altri Organi di Polizia Giudiziaria."

"Se c'è chi pensa che dedicarsi a certe congreghe di "investigatori" poco dilettevoli sia qualcosa di meglio della tradizionale delazione (di "corvi" e figuri "al soldo" delle Questure), il fatto è ancora più grave. L'imbecillità è il collante di ogni forma di malvivenza. C'è chi avrebbe il dovere di reagire a fatti e situazioni con fermezza e senza mezzi termini. Se non lo si fa, direi che è questo l'aspetto più preoccupante di un sistema indecoroso ed insopportabile che non ha a che fare con la democrazia".

 

Rubriche

News dalla Calabria