Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 09 Dicembre 2019
itenfrdees

"Uguali ma diversi", il viaggio in Italia di Aleksandr Dugin ha rilanciato il dibattito su identità e comunitarismo

Posted On Mercoledì, 10 Luglio 2019 09:19
Alexander Dugin Alexander Dugin

Il termine identitarismo, insieme al correlato neologismo sovranismo, è un concetto oggi sempre più diffuso ma purtroppo dobbiamo constatare che in molti casi i significati di questi termini sono confusi e spesso svianti in quanto funzionali al mainstream. Identitari sono nazionalisti, etnoregionalisti, chi difende la famiglia e le Tradizioni e indubbiamente si tratta di un fenomeno variegato. Ma oggi questo complesso mondo si trova accomunato da un comune destino: quello della sopravvivenza antropologica del concetto di popolo come entità organica e della sua risposta dialettica al mondialismo con il correlato fenomeno del populismo. Sotto questo aspetto è particolarmente interessante il pensiero di Alexander Dugin, reduce da un recente tour italiano che si è concluso con il convegno “Identitas: uguali ma diversi” del 15 Giugno ad Udine.

Proprio Il nostro paese sembra essere un laboratorio di questo momento storico, sia col governo giallo-verde, sia sullo sviluppo di movimenti politico-culturali alternativi al sistema, e il citato convegno in cui ha partecipato il filosofo e politologo russo è stato centrale nel dibattito odierno. Infatti tra le istanze, che in modo sempre più insistenti emergono vi è il bisogno di identità. Rimandando i lettori agli interventi della conferenza che ospitava nomi del calibro di Massimo Fini, Diego Fusaro e Alexander Dugin, questo evento è stato certamente fondamentale per riflettere sull’identitarismo. Per noi comunitaristi è un tema fondamentale e per questo non possiamo esimerci dall’intervenire in questo dibattito. Infatti se il concetto di comunità è centrale nel dibattito filosofico,sociologico e politico occidentale, il termine comunitarismo è un termine piuttosto recente e polisemico ma per noi cruciale.

Infatti oggi predomina l’individualismo che è la concezione antropologica del liberalismo, che si è imposta sia rispetto al concetto di classe tipico dei socialismi e comunismi, sia su quello di nazionalismo-fascismo. Il predominio del liberalismo genera alienazione e l’alienazione è il risultato dell’oblio della natura comunitaria e Tradizionale dell’ uomo. Lo scopo del comunitarismo è la presa di coscienza di questa alienazione e la elaborazione di un alternativa. Notiamo che il concetto di popolo come entità integrale nella visione di Alexander Dugin della sua Quarta Teoria Politica, è molto affine al nostro concetto di comunitarismo e della sua proiezione nel concetto nel concetto di Europa dei popoli. Questo concetto è più complesso anche se non in contraddizione con l’ idea di un’ Europa delle regioni cara al vecchio leghismo. Infatti nel definire il concetto di popolo e di comunità si disegna un nuovo soggetto politico alternativo al liberalismo.

In pratica non più il clevage centro-periferia di cui Nord e Sud è una variabile, ma le contraddizioni insite nella democrazia liberale tra elites plutocratiche liberali ed esigenze comunitarie popolari, che sono di natura esistenziale oltre che di natura sociale ed economica. In questo facciamo notare, che le più recenti e raffinate elaborazioni del convegno di Udine, sono in linea col percorso del Talebano che da anni si batte per una alternativa politica e culturale e ha espresso in Vincenzo Sofo un esponente di una nuova generazione politica di identitari. Le polemiche scatenate da questo convegno sono un chiaro segno di isteria di un sistema che si definisce liberale e democratico ma si trova in forte imbarazzo a chi solleva certe contraddizioni.


Fonte; www.iltalebano.com

 

 

Rubriche

News dalla Calabria

  • L’Albero della Pace, decorato dal fashion designer Claudio Greco, illumina il santuario di Paola L’Albero della Pace, decorato dal fashion designer Claudio Greco, illumina il santuario di Paola
    E’ tra le mura del santuario di San Francesco di Paola e in totale spirito natalizio che nasce la collaborazione tra la società Aon, nella persona di Francesco Trebisonda, e il fashion designer Claudio Greco. Un atto di fede e generosità da parte di entrambi. L’albero di Natale infatti è stato donato da Francesco Trebisonda e decorato dallo stilista Claudio Greco. La società Aon si occupa di fornire supporto e competenze specifiche nella definizione delle strategie che consentono di gestire…
    Sabato, 07 Dicembre 2019 09:00
  • "I Comuni del cuore". Orsomarso anche quest’anno aderisce all'iniziativa Telethon contro le malattie genetiche rare regalando agli alunni orsomarsesi un cuore di cioccolata "I Comuni del cuore". Orsomarso anche quest’anno aderisce all'iniziativa Telethon contro le malattie genetiche rare regalando agli alunni orsomarsesi un cuore di cioccolata
    Orsomarso, dal 2016, nella rete dell'iniziativa Telethon "I Comuni del cuore", cioè tra quegli enti locali che si schierano, attraverso azioni concrete, al fianco di chi lotta ogni giorno contro una malattia genetica rara. La Giunta comunale della cittadina tirrenica cosentina ha delibereto una donazione di 1.500,00 euro, attingendo al fondo realizzato con le indennità che l’intero consiglio sta lasciando mensilmente nelle casse del comune. In questo modo si potranno acquistare i cuori di cioccolata da donare agli alunni del…
    Venerdì, 06 Dicembre 2019 08:54
  • Cosenza, IIS "Da Vinci - Nitti", Aula Magna, 12 e 13 dicembre, "Corso di formazione sull’Educazione alla Cittadinanza Globale" Cosenza, IIS "Da Vinci - Nitti", Aula Magna, 12 e 13 dicembre, "Corso di formazione sull’Educazione alla Cittadinanza Globale"
    “L’educazione ci permette di capire in profondità che quello che ci accomuna è l’essere cittadini della comunità globale e che le nostre sfide sono interconnesse”. (BanKi-moon, Segretario Generale ONU). Il corso affronta il tema della cittadinanza globale, partendo dall'Agenda 2030 ONU per lo Sviluppo sostenibile e dalle problematiche connesse ai flussi migratori; e vuole esser parte di un percorso di avvicinamento alla futura disciplina Educazione civica (Legge n.92/2019).
    Giovedì, 05 Dicembre 2019 10:56