Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 26 Gennaio 2020
itenfrdees

Quando il giornalista Giampaolo Pansa scrisse nel 2015, in tempi non sospetti, che Matteo Salvini avrebbe preso i voti di milioni di italiani

Posted On Giovedì, 21 Febbraio 2019 08:53
Matteo Salvini Matteo Salvini

Nel 2015 Giampaolo Pansa pubblicò un bel libro edito da Rizzoli, "La Destra siamo noi - Una controstoria italiana da Scelba a Salvini" e dopo una accurata ed avvincente analisi e storia della destra in Italia nell'ultima pagina su Matteo Salvini scrive: "Il capo del carroccio è davvero un esemplare politico del nostro tempo...Ormai è lanciato a costruire la Lega non più del Nord, ma nazionale.

Spiega: "Ho cambiato idea sui meridionali. Il Sud lo conoscevo poco e ho fatto degli errori. Nel Mezzogiorno c'è anche tanta energia positiva. Gente che vuole lavorare in pace. E ne ha piene le scatole di falsi invalidi, forestali inutili, pizzo della camorra, il Sud va salvato dalla sua classe dirigente". Qualcuno rievoca il Salvini del 2009 che a Pontida, con una birra in mano cantava "Senti che puzza, scappano anche i cani, sono arrivati i napoletani".

Ma nel mondo tutto cambia. Succede anche alla Lega. Nel frattempo l'altro Matteo, il Renzi che guida il governo, ha già fatto suonare le sirene dell'allarme. Gridando: "Chi mi attacca, chi non mi lascia cambiare l'Italia, apre le porte alla nuova destra che avanza". Comunque sia, Salvini ha già compiuto un miracolo: costringe tanto il Cavaliere che il Premier a mettersi sul chi va là. Sta segnando dei punti a suo vantaggio. Resta da vedere se porterà a casa anche quelli decisivi: i voti di milioni di italiani".

Scritto nel 2015, quando la Lega era al 4%. Oggi nel 2019, dopo quattro anni, la previsione si è avverata con la Lega primo partito d'Italia. Giampaolo Pansa un grande giornalista che, ancora una volta, ha visto più lontano di chiunque altro.

 


Redazione

 

 

News dalla Calabria