Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 25 Gennaio 2020
itenfrdees

Il Professor Salvatore Spagnolo, eccellenza medica di origini calabresi, alfiere di grandi innovazioni per la cura delle malattie neurodegenerative

Posted On Mercoledì, 20 Febbraio 2019 09:41
Salvatore Spagnolo Salvatore Spagnolo

Il professor Salvatore Spagnolo è una grande eccellenza medica del nostro Paese. Di origini calabresi è coautore ed autore di oltre 130 pubblicazioni scientifiche nel campo neurochirurgico. Nel lontano 1987 fu il primo ad eseguire l'intervento dell'arco aortico in età pediatrica oltre ad aver eseguito nella sua lunghissima carriera migliaia e migliaia di interventi di cardiochirurgia. Negli ultimi tempi la tecnica innovativa in campo cardiovascolare adottata dal professor Salvatore Spagnolo ed alla sua equipe ha determinato dei vistosi miglioramenti nei pazienti affetti da sclerosi multipla, morbo di Parkinson e morbo di Alzheimer.

Si tratta della tecnica di trattamento della stenosi dei vasi brachiocefalici considerato che l’ostruzione totale o parziale dei tronchi venosi brachiocefalici, interferendo con il regolare deflusso del sangue dal sistema nervoso centrale, è frequentemente associata a una sintomatologia neurologica ingravescente. Questa patologia si affronta con un intervento chirurgico abbastanza complesso nel quale si procede nel cosiddetto “patch di allargamento” attraverso un vaso venoso prelevato dalla gamba del paziente per creare così un nuovo vaso più largo in grado di ristabilire il fisiologico deflusso del sangue.

In molti sono coloro i quali sostengono che non vi può essere alcun nesso fra la stenosi delle vene e le patologie neurologiche. Non è dello stesso avviso il professor Salvatore Spagnolo che, invece, è convinto del contrario. "Io proseguirò nel mio cammino - ha affermato il professor Spagnolo -anche mediante percorsi di formazione di una classe medica che sia in grado di mettere in pratica la tecnica da me ideata".


Redazione

 

 

 

News dalla Calabria