Menu

L’anno che verrà con L’Italia del Meridione

Orlandino Greco Orlandino Greco

Sono trascorsi ormai tre anni da quando l’Italia del Meridione ha mosso i suoi primi passi. Il movimento con il trascorrere del tempo ha preso forma, si è consolidato, ha raggiunto i territori, ha ascoltato le comunità. E’ avvenuto tutto lentamente, come accade per le cose migliori, quelle che durano oltre gli istanti. Se si dovesse fare un bilancio di tutto quanto è stato realizzato dalla nascita dell’Italia del Meridione non basterebbe questo post, probabilmente non basterebbe un libro per raccontare le storie dei tanti che hanno deciso di correre insieme a noi per un’Italia del Meridione fuori da ogni questione.

Oggi l’Italia del Meridione conta decine di sindaci, centinaia di amministratori, che hanno deciso di combattere contro un centralismo governativo che opprime le comunità, che cancella i luoghi e le storie. Con l’arrivo del 2018, il mio augurio verso i militanti, gli iscritti, i simpatizzanti e i sostenitori dell’Italia del Meridione è di un anno entusiasmante. L’immagine che ne rappresenta l’auspicio è la Sala degli Specchi della Provincia di Cosenza, lo scorso 27 dicembre, in una sera di festività di quelle che anche il tempo invitava a trascorrere a casa. La sala era gremita come un vero e proprio Parlamento Calabrese.

Da Palizzi a Catanzaro, da Reggio a Cosenza, in tanti e insieme. È l’immagine di quanto sia cresciuta in questi anni l’IDM, negli incontri tenuti su tutto il territorio a confermare la gioia di ritrovarsi insieme a parlare di riscatto delle nostre comunità, senza cedere alla nostalgia di un passato immaginato, ma volti al futuro di un’idea reale. Siamo cresciuti. Siamo in grado di affrontare un cammino ancora più impegnativo verso la costituzione del partito dell’Unione Sociale delle Autonomie.

L’Italia del Meridione muove con orgoglio verso l’affermazione di una Calabria d’Italia, non isolata dal resto del Paese, nazionale. Con IDM la Calabria fa fronte a ogni denigrazione. L’IDM è per uno sviluppo sganciato dalle diseguaglianze e dalle disparità ormai fin troppo evidenti. Ma Il Meridione non sviluppa rancore, sviluppa l’orgoglio di farcela da soli in Autonomia, fuori da commissariamenti neocolonialisti.

L’IDM non cede alla logica della “spesa” elettorale che promette sempre le stesse cose, “occupazione”, “meno tasse”, “più soldi a tutti”, mentre continua a crescere lo stato di indigenza e di povertà, mentre servizi di luce, gas e trasporti vengono aumentati, già prima di iniziare l’anno, mentre manca del tutto lo stato sociale, mentre la scuola continua ad essere lasciata alla dispersione, mentre le periferie restano soggiogate al prepotente di turno che nemmeno capisce alle dipendenze di quali padroni rimette la sua forza.

L’IDM è tra le poche organizzazioni che mantiene una visione politica orientata verso una trasformazione generale delle istituzioni e del rapporto di partecipazione. Siamo orgogliosi di pensare al Meridione non come a una posizione geografica, ma come prospettiva politica, quella dell’Italia che il Meridione è capace di rappresentare con la propria identità, con la propria cultura, con il proprio lavoro senza doverlo esprimere altrove e per altri. Siamo la regione dell’accoglienza, quella che può vantare l’insediamento di comunità storiche sul proprio territorio e che ancora dà esempio di come ricomporre il disagio della migrazione.

L’IDM non accetta sudditanze, ma nemmeno alza barriere d’incomprensione. L’IDM è aperta alla vicinanza d’intenti di chi muove il proprio impegno verso il rovesciamento di una condizione di vita difficile in contrasto con la bellezza e la gioia del territorio. La Calabria è ovunque c’è un calabrese. La Calabria è ovunque ci si ispiri ai suoi valori e tradizioni di cultura e di ospitalità. Si respira Calabria a Londra e Sydney, a Toronto e in ogni altra parte del Mondo.

Questa intelligenza, questa laboriosità è la nostra, e deve ritornare qui ad essere nostra. L’augurio è di una mobilitazione verso gli Stati Generali della Calabria, per continuare ad avanzare verso il partito dell’Unione Sociale delle Autonomie che non sia la chiusura di un’organizzazione su se stessa, ma l’espressione di un partito aperto, partecipato, diffuso, in movimento, un partito che sia espressione di una scuola politica.

Chi ha valore ha valori. IDM è una tale espressione. Siamo consapevoli del disagio che ogni giorno proviamo a contrastare. Siamo consapevoli delle difficoltà di operare in una condizione di commissariamento e di prepotenza oscura che agisce insopportabilmente sul territorio. Sappiamo però che i risultati si raggiungono con la qualità dei legami sociali che si stabiliscono per un futuro comune.

Operiamo in tante realtà locali, in Comuni e in Regione, con difficoltà, ma sempre onorando la rettitudine. Siamo solidali con le forze che ci permettono di consolidare la forza di una Calabria che è nell’intima utopia di ogni calabrese in Italia e nel Mondo. A tutti voi auguro gioia e soddisfazioni, da raggiungere insieme, con l’Italia del Meridione.

BUON ANNO Orlandino Greco 

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione