Logo
Print this page

Scambio di auguri del sindaco di Rende con il Laboratorio Civico

Scambio di auguri del sindaco di Rende con il Laboratorio Civico

Tempo di bilanci per Marcello Manna che, nel corso dell’incontro di mercoledì scorso al museo del presente, ha tracciato il percorso intrapreso guardando al futuro. “Oggi si stanno concretizzando tanti progetti -ha affermato il sindaco di Rende- e, finalmente siamo riusciti a realizzare forse il più ambizioso: i nostri dipendenti diventeranno fulltime. Ciò significa lavorare meglio e con più serenità.

"Non ci interessano le polemiche di certa politica poiché prioritario per noi è il diritto dei lavoratori.”. “La visita nei giorni scorsi del governatore Gerardo Mario Oliverio -ha proseguito l’avvocato- ci ha inoltre dato ulteriore sicurezza sul futuro delle grandi opere: tra tutte il nuovo stadio che, nel nostro disegno, diventerà anche luogo per i grandi eventi musicali.”.

Si passa, poi alla disamina di quelle che il primo cittadino pensa essere criticità: “Il progetto dell’area urbana ha avuto una battuta d’arresto: da gennaio ripartiamo, ma senza privilegiare una visione partitica e agendo, in sinergia, con il massimo della trasparenza.”. È l’affaire Legnochimoca, però, a donare particolare vis polemica. Il sindaco, infatti, ha dichiarato: “è tema delicato e di massima importanza: c’è qualche parlamentare che pensa di fare carriera o di ripresentarsi alle elezioni entrando in qualche stanza del tribunale e denunciandomi per un problema che risale a molti anni prima della mia investitura a sindaco, ma affronteremmo a testa alta questa situazione."

"Siamo in presenza di un sito privato dove il privato però non può intervenire perché in concordato. Ho chiesto con l’ istituito della surroga l’intervento della regione che però può intervenire quando inserirà il sito in quelli da bonificare. Di questo se ne occupa l’Arpacal che ne deve esaminare 600: impensabile aspettare questi tempi così lunghi. È questo della burocrazia un mostro che ci blocca nelle nostre azioni, nel nostro modo d’intervento, ma dobbiamo affrontare insieme le vecchie e le nuove sfide: noi vogliamo il bene della nostra città e della nostra comunità.”. 

 

Share/Save/Bookmark













Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione