Menu

Berlusconi: Strasburgo non sia un alibi

Mauro Mellini Mauro Mellini

Vedo dai titoli dei giornali che Berlusconi è ottimista (ognuno ha i suoi vizi) sull’esito del suo ricorso a Strasburgo sull’applicazione della Legge Severino al suo caso (“Re Gioacchino fici a legge e fu impiso” si diceva al Sud, impasticciando un po’ la storia). La questione riguarda la sostanziale retroattività di una sanzione penale, applicata a fatti commessi prima della promulgazione della legge.

Che questo sia il “caso Berlusconi” e che così possa sintetizzarsi l’”anomalia” della giustizia italiana consumata nei confronti del Cavaliere, è cosa non solo “riduttiva”, ma smaccatamente falsificante ed elusiva di una verità che proprio nei giorni scorsi ha avuto la sua “prova del nove” con una nuova indagine a suo carico in puntuale coincidenza con la conclamata ripresa del Centrodestra, di Forza Italia e della stessa figura politica di Berlusconi nel confronto politico italiano. Non so e non mi spremerò il cervello per chiarirmi le idee sul risultato pratico di un esito del ricorso a Strasburgo.

Quello che, francamente trovo urtante e penoso, come irritante e penoso è sempre il dover constatare che la violenza finisca col coinvolgere e domare il violentato, è il fatto che, oggetto della più spettacolare persecuzione giudiziaria, una vera e propria gara di tiro al piccione, da parte del Partito dei Magistrati (altro che di “certi P.M. comunisti”!!!), che ha caratterizzato decenni della nostra vita politico-sociale e che oggi, forte di quella “vittoria” troneggia sulla nostra libertà civile e sulla nostra Repubblica, Berlusconi, invece di chiamare gli Italiani alla riscossa contro quel sistema, invece di bandire una crociata contro lo squadrismo giudiziario, la giustizia strumentale, il Partito dei Magistrati e le sue fazioni, il deterioramento dei caratteri liberali del nostro ordinamento, cerca di ritagliarsi uno “spiraglio” (anche nei titoli dei giornali a lui più vicini è venuta fuori questa deprimente parola) lamentando che contro di lui (e non solo contro di lui) sia stato “anticipato” l’effetto persecutorio di una legge di cui egli stesso porta la responsabilità.

Auguriamo a Berlusconi di vincere la sua causa a Strasburgo. Si basa su di un principio di “legalità del sistema penale” del quale non siamo mai stati sostenitori o avversari “a corrente alternata”, dando ad esso un contributo non proprio secondario. Ma non è questo che dà a Berlusconi, piaccia o non piaccia a tutti noi, un ruolo: quello del leader naturale di una rivolta liberale contro l’uso deviato della giustizia, le “campagne politico-giudiziarie”, le fazioni ed il Partito dei Magistrati. E’ una pretesa, la nostra, più che legittima. Il fatto che per nostro conto, a nostre spese, con povertà di mezzi, a volte in totale solitudine, abbiamo fatto il nostro dovere su questo fronte, ci autorizza ad aggiungere all’augurio a Berlusconi per la sentenza di Strasburgo il nostro “purché non sia un alibi”.

Mauro Mellini

 

 

Mauro Mellini

 

Rubrica "L'Angolo delle riflessioni..." di Mauro Mellini

Mauro Mellini  è un avvocato e politico italiano. Ama definirsi un giovane battagliero di soli 90 anni. E' stato fra i fondatori del Partito Radicale ed è stato deputato della Republica. Ha  ricoperto il ruolo di componente del Consiglio Superiore della Magistratura. Editorialista e saggista, è autore di numerosi scritti, in cui con vena polemica indaga sulle storture della legge. Il suo testo più noto è Così annulla la Sacra Rota (Samonà & Savelli), che contribuì fortemente all'approvazione della legge sul divorzio. Nel 2006 ha fondato insieme ad Alessio Di Carlo il periodico on line GiustiziaGiusta, dedicato ai temi della giustizia in chiave garantista. È stato ed è uno dei primi e più strenui difensori del garantismo, a partire dal celebre caso Enzo Tortora. Immensa e sterminata la sua opera letteraria e bibliografica sin dal 1967. Fra le sue opere: L'annullamento facile (pseudonimo Simplicius), 1967. Così Annulla la Sacra Rota, Samonà e Savelli, 1969.

Le sante nullità, Savelli, 1974. 1976 Brigate Rosse, operazione aborto, Savelli, 1974. La Rima nel Pugno, Partito Radicale Lazio, 1979. Eminenza la pentita ha parlato, I Ed., Pironti, 1982.

Una Repubblica pentita, supplemento di Notizie Radicali, 1984. C'era una volta Montecitorio, EquiLibri, 1984. Il giudice e il pentito, Sugarco, 1986. Norme penali sull'obiezione di coscienza, Scipioni, 1987. Misure di prevenzione, Partito Radicale, 1987. La notte della giustizia, Stampa Alternativa, 1990. Eminenza la pentita ha parlato, II Ed., Adriatica Ancona, 1993. La bancarotta della giustizia, SIR, 1990. Il partito che non c'era, Adriatica Ancona, 1992. Il golpe dei giudici, Spirali/Vel, 1994. Toghe padrone, Spirali/Vel, 1996. E arrestarono Nicolò Nicolosi, Edi.De.Gi., 1997. Il Regime Gattopardo, Spirali/Vel, 1998. Nelle mani dei pentiti, Spirali, 1999. Processo al Capomandamento, 2003. Tra corvi e pentiti, Koiné, 2005. La fabbrica degli errori, Koiné, 2005.

'sta povera giustizzia, Rubbettino, 2008. Il partito dei magistrati, Bonfirraro Editore. Ritorno a Tolfa, Bonfirraro Editore.

Con grande soddisfazione su "La Voce Cosentina"  si inaugura un'apposita rubrica dedicata alle riflessioni e agli scritti di Mauro Mellini che non potranno che impreziosire la nostra testata on line. Un sincero grazie ad un valente giurista e ad un gigante della storia del garantismo italiano.

 

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione