Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Cosenza

"Ieri come promesso e come dovere mi sono recato nel Centro Storico di Cosenza per sondare gli animi e gli umori di chi vive in quei luoghi, di chi lavora in quei luoghi, di chi ama quei luoghi. Naturalmente come ogni innovazione e sperimentazione anche quella dell'istituzione della ZTL nella città antica ha scombussolato il vivere quotidiano di ognuno. Perché anche se si parla del Centro Storico come vuoto, abbandonato e desolante; in realtà non lo è affatto o lo è in parte proprio perché tanti sono i cosentini e non, che lo vivono con orgoglio e che mai lo lascerebbero, come sono tanti gli impiegati che quotidianamente vi si recano per lavoro (su tutti PROVINCIA, BIBLIOTECA CIVICA E NAZIONALE, PROVVEDITORATO AGLI STUDI, TEATRO, CASA DELLE CULTURE,CURIA, LICEO ED ALTRI)."

L'Amministrazione comunale ha pubblicato il bando finalizzato alla formazione di una graduatoria permanente per l'assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica di nuova costruzione o che comunque si rendessero disponibili sul territorio di Cosenza.

“Andando, vedendo”, questo è il principio che sembra ispirare l’amministrazione in merito alla viabilità urbana e in genere alle politiche di mobilità. Continua infatti l’estemporaneità delle ordinanze sul traffico, che dalla sera alla mattina vanno a “colpire” interi quartieri, stravolgendone l’equilibrio senza alcun preavviso e senza rispondere ad alcun atto di pianificazione, per come sarebbe opportuno e normativamente regolamentato. E’ di pochi giorni fa l’annuncio a sorpresa sulla chiusura al traffico del centro storico, con l’istituzione delle ennesime ZTL, che ha “colto nel sonno” i residenti di un quartiere, quello della città antica, già danneggiati dalla mancanza di servizi e di attenzione da parte del governo cittadino.

Il “Festival delle Invasioni 2018-Stagioni d’estate” può fregiarsi del marchio dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018. Lo ha comunicato il Coordinamento nazionale dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 del MIBACT al settore Cultura del Comune di Cosenza in seguito alla richiesta formulata. La partecipazione all’Anno europeo implica la possibilità di usare lo slogan ufficiale europeo che recita “Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro” e, sui social media, gli hashtag europei #Europeforculture, #sharingheritage e quello italiano #Patrimonio2018.

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« July 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco