Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Politica

La candidatura del Ministro Marco Minniti nell'uninominale a Reggio Calabria era abbastanza prevedibile. Probabilmente nel collegio al Senato. Candidatura non sicura considerando che il centrodestra a Reggio Calabria ha avuto sempre una sua forza soprattutto oggi dove il vento del centrodestra spira sempre più forte. Allora nasce la necessità di una candidatura certa in un listino proporzionale da capolista. E, per come sostiene il quotidiano "La Repubblica" sembra che il listino prescelto sia quello del Veneto.

Fra i tanti candidati che lottano per ritornare sulle ambite e desiderate poltrone anche il senatore uscente, Paolo Naccarato, che nella sua nuova veste di coordinatore nazionale del nuovo partito di Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti, potrebbe anche decidere di candidarsi in Calabria. E' molto difficile che la lista di Sgarbi e Tremonti possa arrivare al fatidico 3% per poter ottenere candidati eletti nella quota proporzionale ma il partito potrebbe ottenere dal centrodestra e da Silvio Berlusconi qualche collegio di coalizione uninominale. Del resto la lista "Rinascimento" nasce per eleggere principalmente i protagonisti della lista stessa.

Nonostante annunci di incatenamenti, sfracelli, proteste e tanto altro il Governatore Mario Oliverio deve, suo malgrado, rassegnarsi e farsene una ragione. Il Commissariamento della sanità calabrese non si tocca. Questa la sintesi di quanto affermato dalla Ministra della salute, Beatrice Lorenzin, giunta in Calabria ed accompagnata dal vicecoordinatore nazionale di Ap, il sottosegretario Antonio Gentile.

La Calabria come al solito è una terra di contraddizioni e sempre in antitesi con i fenomeni che si registrano a livello nazionale. E' stato sempre così. Una terra strana di difficilissima interpretazione. Ed anche nell'analizzare il micro partitino di Angelino Alfano, Alternativa Popolare, la contraddizione fra la Calabria ed il resto del Paese è macroscopica. Mentre sul piano nazionale il partito del Ministro degli Esteri è quotato intorno ad un misero 2%, nella migliore delle ipotesi, e mentre lo stesso Alfano annuncia, nonostante la giovane età di soli 47 anni, di non ricandidarsi, in Calabria Alternativa Popolare può vantare addirittura ben cinque parlamentari uscenti.

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« July 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco