Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Il rispetto dell’ambiente e la tutela del territorio, rappresentano alcune delle priorità che l’Amministrazione comunale si è prefisso di realizzare sin dal suo insediamento, ritenendoli elementi qualificanti e di crescita per le nuove generazioni. Come si può pensare di crescere economicamente e socialmente, se a ciò non si abbina una politica di sviluppo che preservi la natura, l’ambiente ed il suo territorio?

Sviluppo degli spazi verdi urbani, tutela e salvaguardia degli alberi, dei filari e delle alberate di particolare pregio paesaggistico, naturalistico, storico, monumentale e culturale, il Comune avvia il censimento degli alberi monumentali. Dagli ulivi che sembrano disegnare volti umani alle querce secolari fino ai castagni dalle altezze titaniche, è possibile fare segnalazione al comune fino al prossimo martedì 20 febbraio. 

Le consuete e numerose mareggiate sulla costa calabrese, hanno di recente, riproposto come ogni anno il tema della responsabilità dei danni alle spiagge sempre più ridotte (negli ultimi dieci anni mediamente, sulla costa Tirrenica, la linea delle spiagge si è ridotta di circa 100 metri arrivando a punte di oltre 200 metri) alle infrastrutture pubbliche ed alle abitazioni. Spesso i tecnici di settore si dilungano, anche nelle interviste, a spiegare le ragioni del fenomeno attribuendo principalmente alla riduzione del ruolo dei fiumi nel portare a mare il materiale necessario per il ripascimento naturale della costa, per opera di costruzioni abusive di privati, ad interventi non sistematici di difesa di parti della costa con “pennelli” spesso non accompagnati dal ripascimento artificiale delle aree.

Coma la storia insegna non si è mai profeta in patria. E tanti sono i casi di calabresi ingegnosi e talentuosi che, altrove, sono riusciti a distinguersi per le loro idee e per la loro genialità. E' questa è anche la storia di Stefania Spadafora, brillante ingegnere civile calabrese, che ha ideato e brevettato il primo casco di lavoro in grafene. Il grafene è un innovativo materiale estratto dalla grafite e che ha potenti caratteristiche meccaniche: una resistenza pari a quella del diamante e una flessibilità uguale a quella della plastica.

« February 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        

Archivio Articoli