Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Salute e Benessere

Negli ultimi anni la ricerca ha raggiunto traguardi fondamentali per la cura del tumore al seno, portando fino all’87% la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi. Resta però il problema delle forme più aggressive della malattia. Nel mese di ottobre il Comitato Calabria di AIRC - in occasione del Nastro Rosa - invita tutti i calabresi a non fermarsi e a sostenere insieme il lavoro dei ricercatori per rendere il tumore al seno sempre più curabile. Torna a ottobre il mese di sensibilizzazione dedicato al tumore al seno: milioni di persone in tutto il mondo scelgono di indossare un Nastro Rosa per ricordare l’importanza della prevenzione e dimostrare la loro vicinanza alle donne che stanno affrontando questa malattia, che in Italia rappresenta la neoplasia più frequente e colpisce una donna su otto nell’arco della vita.

Oramai il variegato mondo della droga e del mercato di stupefacenti non finisce più di stupire e di aprire sempre nuove frontiere. Dopo la diffusione capillare della cocaina, il ritorno dell'eroina, la droga degli anni '70, ora si scopre anche lo spaccio di farmaci oncologici utilizzati per sballarsi. La recente indagine condotta dalla Procura di Cosenza e che ha determinato l'emissione di alcune ordinanze di arresto ha documentato ben cinquanta episodi di cessione di farmaci oncologici. In particolare veniva spacciato un farmaco antidolorifico e narcotizzante denominato "Durogesic" che viene prodotto in forma di cerotti transdermici.

Ancora due morti per morbillo in Italia. Due persone adulte e non vaccinate segnalate dalla Regione Sicilia sono infatti decedute. Lo segnala l'ultimo bollettino sulla malattia dell'Istituto Superiore di Sanità, secondo cui sale così a 6 il numero di decessi in Italia nel 2018. I due decessi ulteriori segnalati, si legge nel documento, si sono verificati in una persona di 51 anni e in una di 29. "In tutti i casi, la causa del decesso è stata una grave insufficienza respiratoria e/o arresto cardio circolatorio - scrivono gli esperti dell'Iss -. Tutti i casi erano non vaccinati al momento del contagio". Se si estende il conteggio anche allo scorso anno sono 10 i morti totali, fra cui un bambino di 10 mesi.

Circa 1 italiano su 4 soffre di allergie. Un'epidemia sottovalutata e spesso banalizzata, visto che quasi la metà delle persone che ne soffrono non riceve né diagnosi ne terapie adeguate. A lanciare l'allarme è l'Aaiito, Associazione Allergologi ed Immunologi Italiani Territoriali ed Ospedalieri, che chiede la creazione di un tavolo tecnico presso il Ministero della Salute per la prevenzione e la gestione delle allergie.

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco