Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Politica

Continua incessante il lavoro dei quadri dirigenti della Lega in Calabria nel radicamento sul territorio e nell'apertura dei coordinamenti comunali. Il segretario provinciale della Lega, Bernardo Spadafora, ha nominato coordinatrice della Lega per il Comune di Trebisacce l'avvocato Veronica Puntorieri. Da sempre impegnata nell'associazionismo, nella difesa dei diritti delle donne, nella beneficenza e nell'interesse per la politica locale Veronica Puntorieri saprà certamente essere l'alfiere per un forte radicamento sul territorio del progetto politico rappresentato dalla Lega e dal sul leader Matteo Salvini.

Altro che la "rottamazione" fasulla di Matteo Renzi, altro che la politica vecchia e della preistoria della Prima Repubblica che circola nella Regione Calabria con Mario Oliverio ininterrottamente eletto da 38 anni e con, addirittura Pino Gentile, sempre eletto da ben 48 anni, cioè da quando nel 1970, venne eletto giovanissimo consigliere comunale a Cosenza. Invece nella Lega e lo dimostrano i numeri, la classe politica è giovanissima.

Da tempo circolano in Calabria negli ambienti politici voci di ingressi di personaggi "pesanti" della Prima e Seconda Repubblica che in Calabria è sempre stata una sola continuità considerando che la Seconda Repubblica si è contraddistinta per avere come protagonisti gli stessi politici della Prima nella "Lega" di Matteo Salvini. Fra questi nomi circola quello dei fratelli Gentile, che rappresentano non la storia ma la preistoria della politica calabrese.

Circa 400 mila persone che dal 2012 in poi erano rimaste bloccate dalla brusca stretta sui requisiti scattata con la riforma Fornero. Sono loro i primi beneficiari dell'uscita anticipata con quota 100, la novità previdenziale che troverà posto nella legge di Bilancio. Lo schema è ormai definito e consolidato, anche se manca ancora gli ultimi dettagli. Potranno accedere alla pensione i lavoratori che hanno 62 anni di età e 38 di contributi; per tutti quelli che anno raggiunto entrambi questi requisiti negli anni scorsi ci sarà probabilmente da attendere una finestra temporale di tre mesi.

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco