Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Economia

Dei 300.000 calabresi che negli ultimi 15 anni hanno abbandonato la Calabria ben 180.000 sono under 35. Si tratta quindi, in prevalenza, di una forte emigrazione giovanile, scolarizzata, figlia di un ceto medio che non è più in grado di offrire in Calabria delle autentiche prospettive per i propri figli. Un preoccupante impoverimento sociale e collettivo con il capitale umano giovanile che è la base primaria per ogni società che vuole evolversi e vuole progredire. Un dato quello dello spopolamento che dura da anni che da solo condanna e dimostra come l'azione politica collettiva sia nazionale che regionale per la Calabria sia fortemente fallimentare.

Una spesa imprevista di 1000 euro mette in crisi oggi una famiglia italiana su 5. E se la spesa imprevista fosse di 10.000 euro (ossia un furto d'auto, una complessa operazione dentistica, la sistemazione di un tetto o una cartella esattoriale non attesa), potrebbe farvi fronte con le sole proprie forze appena poco più di una famiglia su 3 (il 36%, 2 punti percentuali in più rispetto al 2017). È quanto mette in evidenza il Rapporto sul risparmio curato da Ipsos per Acri, che evidenzia come aumentino sia le famiglie in grado di avere almeno 10.000 euro da parte, sia quelle in maggiore difficoltà.

La Borsa di Milano avvia la seduta in positivo dopo che l'agenzia S&P ha confermato il rating dell'Italia ed ha rivisto l'outlook a negativo da stabile. Il primo indice Ftse Mib segna un rialzo dell'1,36% a 18.937 punti. Asia chiude in calo appesantita da Cina - Le Borse asiatiche concludono la seduta in negativo appesantite dal forte calo dei listini cinesi. Gli investitori guardano con preoccupazione al rallentamento dell'economia cinese ed al rafforzamento del dollaro.

Rating confermato ma outlook negativo. Il verdetto dell' agenzia Standard & Poor's sulla sostenibilità finanziaria del sistema italiano arriva alle dieci di sera e suona come un campanello di allarme, materializzando i timori di un percorso sempre più a ostacoli per il governo italiano alle prese con la presentazione della legge di bilancio. "Il piano economico del governo - fa sapere S&P - rischia di indebolire la performance di crescita dell'Italia". Nel mirino anche la riforma delle pensioni, che rappresenta "una minaccia ai conti pubblici". Per ora però il declassamento non c'è, mantenendo l'Italia a due lunghezze di distanza dal livello 'spazzatura' (BBB).

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco