Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

ROSSANO - Gli operai del verde pubblico sono scesi nuovamente in piazza per rivendicare il diritto al lavoro. Due di loro, addirittura, sono saliti, dalle prime ore dell’alba di ieri, sul tetto del Comando della Polizia Municipale. Sul posto presenti tutte le forze dell’ordine, Carabinieri e Polizia di Stato, ma anche i sanitari della Misericordia di Trebisacce ed i Vigili del Fuoco del distaccamento di Rossano che, per l’occasione, hanno provveduto ad installare un gonfiabile dinanzi al luogo della protesta.

Un omicidio è stato sventato dai carabinieri della Compagnia di Corigliano Rossano che hanno fermato 4 persone, in esecuzione di un decreto della Procura di Castrovillari diretta da Eugenio Facciolla, per detenzione e spaccio di droga. I quattro, Piero Francesco Chiaradia, di 45 anni, Giovanni Chiaradia (51), Salvatore Bonafede (34) e Marco Bonafede (26) - nei cui confronti il gip ha poi emesso un provvedimento cautelare in carcere, secondo l'accusa stavano pianificando l'omicidio di un noto pluripregiudicato del posto.

Siamo immersi nella Calabria delle contraddizioni. Non ci sono altri modi per definire ciò che sta accadendo nella zona di Insiti, il luogo scelto dalla Regione Calabria, come luogo prefissato per la costruzione del mega Ospedale della Sibaritide. Fu la conferenza dei Sindaci della Sibaritide a decidere nel lontano 2006 la necessaria costruzione del nuovo e grande Ospedale tra Corigliano e Rossano, nel fazzoletto di terra chiamato C/da Insiti. Dopo 12 anni si vedono realizzate solo mura di cinta. Tra l’altro, dopo l’avvenuta fusione delle Città di Corigliano e di Rossano, si è deciso di fare nascere in questo luogo, anche tutti gli uffici predisposti alla realizzazione effettiva della stessa città con le sue strutture, ed i suoi uffici.

In accoglimento delle richieste avanzate dal penalista avv. Francesco Nicoletti, il Gip presso il Tribunale di Castrovillari ha disposto la scarcerazione per il 54enne T.S., tratto in arresto nei giorni scorsi dai Carabinieri con l’accusa di aver aggredito e ferito a colpi di martello la propria moglie. Nello specifico, l’ipotesi di reato contestata è quella di tentato omicidio aggravato per aver commesso il fatto contro il coniuge e per aver agito per futili motivi.

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli