Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Martedì, 27 Febbraio 2018 09:45

Ateneo Magna Grecia di Catanzaro, Mario Caligiuri presenta “Intelligence e magistratura” con il Sost. Proc. Domenico Guarascio e l’avv. Francesco Iacopino

Rate this item
(0 votes)
Mario Caligiuri Mario Caligiuri

Nell’ambito del Corso di perfezionamento in “Criminologia e Ricerca sociale” dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, è stato presentato il libro di Mario Caligiuri “Intelligence e magistratura. Dalla diffidenza reciproca alla collaborazione necessaria” (Rubbettino, 2017). L’evento è stato organizzato in collaborazione con l’associazione forense “Diritto di difesa” e accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro. La manifestazione si è svolta presso la Sede di Sociologia dell’Unione “Magna Grecia” di Catanzaro ed è stata avviata dai saluti di Geremia Romano, Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’ateneo catanzarese e da Paolo Piccinini, segretario dell’associazione “Diritto di difesa”.

“E’ un’iniziativa di cui siamo molto orgogliosi, anche perché il tema dell’intelligence - ha ricordato Romano - si collega con gli interessi delle scienze giuridiche e di quelle sociologiche che, insieme a quelle economiche, rappresentano le tre anime del nostro Dipartimento”. Moderati da Luigi Mariano Guzzo, dottorando di ricerca in Diritto ecclesiastico, i lavori sono stati introdotti da Cleto Corposanto, direttore del Corso in “Criminologia e Ricerca sociale”, che ha ricordato il merito di Mario Caligiuri di “essersi adoperato da anni per fare assumere all’intelligence la dignità di disciplina accademica”. Ha svolto la prima relazione Francesco Iacopino, penalista del Foro di Catanzaro seguita da quella di Domenico Guarascio, Sostituto procuratore della Repubblica della DDA di Catanzaro.

Per Iacopino, “è importante una riflessione collettiva sull’Intelligence, nella consapevolezza che Intelligence e magistratura hanno la loro precisa e distinta autonomia“. Bisogna superare - ha detto - un’impostazione ‘carcerocentrica’ in cui si ritiene erroneamente che maggiore sicurezza si possa assicurare solo con maggiore ricorso agli arresti”. Il procuratore Guarascio ha poi sottolineato che “pur essendo necessaria un’osmosi costruttiva tra Intelligence e magistratura, l’unica collaborazione che può verificarsi è quella culturale e formativa, avendo riguardo della diversa geometria dei poteri nella democrazia costituzionale”. Nel tirare le somme conclusive dell’evento, Mario Caligiuri ha messo in evidenza che con questa iniziativa si “rafforzano ulteriormente i collegamenti tra le università calabresi”.

“Per anni l’Intelligence - ha affermato - è stata vista come un luogo oscuro dello Stato. Rappresenta invece uno strumento necessario per la sicurezza della democrazia. Intelligence e magistratura sono ambiti distinti che possono però trovare forme di collaborazione per contrastare efficacemente le mafie e il terrorismo islamico, che rappresentano pericoli gravissimi per le democrazie.

Redazione

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« June 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco