Menu

A quando l'annunciato incatenamento dl Governatore Mario Oliverio?

Mario Oliverio Mario Oliverio

Il Governatore Mario Oliverio da sempre preoccupato per l'andamento della sanità in Calabria, al punto tale da aver focalizzato il suo dire ed il suo scarso agire solo su questo trascurando tutte le altre deleghe che mantiene per se stesso e non sono poche, tutt'altro, ha annunciato nei giorni scorsi in modo eclatante di essere pronto ad incatenarsi dinanzi palazzo Chigi in Piazza Colonna a Roma in segno di eclatante protesta qualora il Governo entro fine mese non provvederà alla rimozione del commissario per la sanità Massimo Scura.

Fine mese è oramai giunto ed in tanti attendono che, almeno una volta tanto, alle parole e agli annunci seguano fatti concreti. Ma sono ancor più numerosi coloro i quali non hanno creduto alle parole del Governatore Oliverio anche perché a governare il Paese dimorando a Palazzo Chigi sono proprio gli esponenti del suo stesso partito, il Pd, gestito dal segretario nazionale, l'ex rottamatore Matteo Renzi sul quale carro è salito, ovviamente, anche lo stesso Oliverio, nonostante nel 2014 Renzi fece di tutto, non riuscendovi, a non far candidare Mario Oliverio a Presidente della Regione Calabria.

Ma il passato è passato, soprattutto nella politica calabrese dove la regole aurea è sempre quella di stare sempre e comunque sul carro del vincitore. Molti big nazionali del partito e del Governo appena venuti a conoscenza dei propositi bellicosi di Oliverio non solo non lo hanno minimamente creduto ma hanno esternato sorrisetti e stupore confinando il tutto ad una ragazzata di un bimbetto un po discolo mai poi sempre rispettoso della scala gerarchica del potere.

Sicuramente Mario Oliverio troverà una nuova formula, quale un accorato appello che possa coinvolgere più sindaci possibili o qualche altra strada per poi giustificare il mancato incatenamento. Ancora una volta i calabresi saranno costretti ad assistere alla solita farsa dei politici professionisti calabresi. Annunciare e dire sempre quello che nei fatti poi non avverrà mai. Una politica oramai passata e superata ma che in Calabria, terra arretrata, conservatrice e refrattaria a qualsiasi cambiamento, è sempre attuale e immodificabile.

Del resto la Calabria non ha vissuto i cambiamenti epocali del '68, non ha vissuto il cambiamento dalla Prima alla Seconda Repubblica, non ha mai vissuto alcuna trasformazione sociale. E' sempre la stessa immarcescibile e testardamente e sempre uguale a se stessa. Basti solo pensare che lo stesso Governatore Mario Oliverio nel lontanissimo 1985, sono trascorsi ben 32 anni, era, appena trentenne, assessore regionale all'agricoltura con il compianto Cecchino Principe alla Presidenza. Oggi Mario Oliverio è Governatore e fra le sue tante deleghe mantiene anche quella dell'agricoltura alla quale è evidentemente molto affezionato. Come detto in Calabria mai nulla cambia.

Redazione

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione