Menu

Cosenza, Casa delle Culture, Irene Telesio, "la mostra sui cimeli della polizia di Stato con la mostra Telesio, un percorso congiunto per ambedue"

Irene Telesio e Roberto Bilotti Irene Telesio e Roberto Bilotti

Monta la polemica e l'interesse sulla querelle nata dalla decisione presa dal Comune di Cosenza di far sgomberare i locali della Casa delle Culture nel centro storico cosentino che attualmente ospitano la mostra Telesio, collezione che racconta la storia dei cosentini legati in modo indissolubile alla grande figura storica di Bernardino Telesio. Lo sgombero dovrebbe creare gli spazi per ospitare una mostra sui cimeli della Polizia di Stato.

Della vicenda si è detta "molto addolorata" Irene Telesio, ultima ed unica discendente della storica famiglia, che sin dalla giovane età vive a Firenze. "Avevo deciso che le testimonianze di storia Cosentina a me pervenute - ha affermato Irene Telesio -  e che ho a Firenze dovessero tornare a Cosenza, mio dovere civico di restituirle ai cosentini ma questa grossolana delegittimazione e disprezzo della Cultura mi ha fatto con dolore cambiare idea".

Ma, nonostante tutto, Irene Telesio lancia agli organizzatori della mostra sui cimeli della Polizia anche una proposta che, al contempo, è anche un invito, che potrebbe risolvere la questione. L'invito è quello di concordarsi con i curatori dell'attuale mostra per un percorso congiunto sotto la guida della Soprintendenza che è l'istituzione preposta. Il tutto mentre nella Casa delle Culture, che è un edificio di proprietà comunale e che, un tempo, era sede del Municipio, persistono diverse sale dichiarate pericolanti.

Basti accennare alla galleria dei ritratti dei personaggi eccellenti che hanno rappresentato la grande storia cosentina. Affreschi di grande valore artistico dipinti nel 1889 dal valente pittore Rocco Ferrari. La galleria di ritratti che attorniano la figura della Bretia, la grande madre cosentina, comprende personaggi del peso storico di Bernardino Telesio, Aulo Giano Parrasio, Galeazzo di Tarsia, Tommaso Cornelio, Sertorio Quattromani e Gioacchino da Fiore.

Figure illustri che hanno segnato la nostra storia che è divenuta modello eccellente in tutta Europa. Realismo fantastico e verismo illustrati, un prezioso repertorio che si intreccia in questi saggi di pittura pubblica che l'incuria e l'indifferenza stanno lasciando cadere sbriciolati dal soffitto della sala Gullo, ex sala consiliare adibita per le pubbliche conferenze. Infine, ritornando alla mostra dei cimeli della Polizia di Stato si registra anche la dichiarazione del questore Giancarlo Conticchio. 

"E’ un problema del Comune di Cosenza, non nostro. Ci hanno proposto quei locali, li abbiamo visionati e abbiamo pensato che fossero funzionali ad ospitare la mostra. Se non sono state richieste le autorizzazioni necessarie - afferma il questore della città dei Bruzi - da parte dell’amministrazione comunale e se esiste un vincolo, sono informazioni che non ci sono state comunicate. Sarebbe sconveniente trasformare un evento culturale in una spiacevole vicenda che lede la memoria collettiva della città. Non è questo l’intento della Questura di Cosenza”.

Sarà interessante osservare come interverrà sulla vicenda l'amministrazione comunale con la speranza che la Casa delle Culture possa essere anche oggetto di lavori di restauro e di recupero che possano riportare l'edificio agli antichi splendori anche nell'ottica di un auspicato rilancio del centro storico. Rilancio atteso da tempo.

Redazione

 

 

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione