Menu

Cosenza, 14 indagati, favori ed appalti, tre dirigenti comunali ed un imprenditore

Cosenza, 14 indagati, favori ed appalti, tre dirigenti comunali ed un imprenditore

Appalti al microscopio al Comune di Cosenza, oltre 5.000 le determine dirigenziali esaminate dalla Guardia di Finanza in una indagine alquanto complessa guidata dal Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica di Cosenza, dottoressa Marisa Manzini. Ben 14 gli indagati e, fra questi, tre dirigenti comunali di peso, Domenico Cucunato, Arturo Maria Bartucci e Carlo Pecoraro.

Fra gli indagati anche l'imprenditore Francesco Amendola, titolare della CMT. Gli altri indagati sono Antonio Amato, Antonio Scarpelli, Ferruccio Stumpo, Francesca Filice, Michele Fernandez, Pasquale Perri, Ivan Mandarino, Renato Cerzosimo, Vincenzo Rubino e Pietro Mazzuca. Nella conferenza stampa tenuta per illustrare l'indagine il Procuratore capo della Procura, Mario Spagnuolo, ha sostenuto che si tratta di "indagini complesse sull’attività amministrativa del Comune dal 2012 al 2015. Oltre 5.000 delibere sotto inchiesta con decine di appalti".

L'indagine comproverebbe, il condizionale in questi casi è d'obbligo, un "sistema" di favori e preferenze per le solite ditte amiche di alcuni dirigenti comunali. Ditte i cui titolari avevano rapporti con alcuni dirigenti. Il "sistema" si concentrava nello spezzettamento dei lavori in affidamento, tutti al di sotto della soglia dei 40.000 euro, per cui era possibile l'affidamento diretto senza le procedure previste, invece, per lavori di importo superiore alle 40.000 euro. Sono state applicate nei confronti degli indagati  delle misure interdettive dai tre ai sei masi a vario titolo.

Era stata richiesta la misura cautelare, misura sulla quale il GIP di Cosenza, dott.essa Giuseppa Ferrucci, ha deciso il rigetto. Per gli appalti l'indagine è partita dalla denuncia del Senatore del Movimento 5 Stelle, Nicola Morra. Gli appalti in questione riguardano, fra i tanti, i canili comunali, la bonifica del Crati dall’accampamento Rom, la demolizione di alcuni prefabbricati e quelli per le luminarie dei periodi festivi. Numerosi i capi d'imputazione, dalla corruzione all'abuso d'ufficio.

“E’ stato un lavoro assolutamente specialistico, portato avanti con estrema professionalità, con indagini importanti ed attente. Si tratta - ha affermato il Procuratore Mario Spagnuolo - di indagini complesse e riguardano l’attività amministrativa portata avanti al Comune di Cosenza, attraverso lo studio di decine e centinaia di appalti e di contratti, che hanno portato ad un quadro unitario. La scelta della somma urgenza, assolutamente arbitraria, e lo spezzettamento dei singoli lavori in appalti al di sotto dei 40mila euro per eludere quanto imposto dalla legge e tutto è stato fatto senza l’aiuto di apporti testimoniali".

"Siamo arrivati a scoprire - ha affermato il Procuratore aggiunto, Marisa Manzini, che ha condotto l'inchiesta - che l’attività non era svolta in modo episodico ma sistematico, con dirigenti che avevano rapporti molto stretti con imprenditori che alla fine venivano favoriti. Si tratta di imputazioni per falso e abuso d’ufficio per lavori dati in affidamento sempre alle solite imprese, senza nessuna gara ad evidenza pubblica, grazie allo spezzettamento dei lavori sotto i 40.000 euro”.

Redazione

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione