Menu

Regione, durissimo attacco della Coldiretti per la "schizofrenica gestione dell'Assessorato all'Agricoltura"

Regione, durissimo attacco della Coldiretti per la "schizofrenica gestione dell'Assessorato all'Agricoltura"

Nonostante l'annuncio di Cantieri e pensatoi copiando maldestramente la Leopolda renziana la Regione Calabria a guida Oliverio continua ad annaspare e si conferma la peggiore stagione politica da quando è nata la stessa Regione, cioè dal 1970 ad oggi. Mai si era registrata una nullità assoluta nei primi tre anni di governo come nel governo regionale targato Oliverio. Governo deficitario su tutti i fronti. Ed uno dei fronti con più falle è quello dell'agricoltura. Non poche sono state le manifestazioni degli agricoltori calabresi contro il modus operandi dell'assessorato dell'agricoltura regionale. Ad intervenire in merito ed ancora una volta con una nota dai toni durissimi la Coldiretti Calabria.

"Dopo 601 giorni dall’approvazione del PSR (20 novembre 2015) e 435 giorni dalla pubblicazione dei bandi (29 giugno 2016), le graduatorie pubblicate in questi giorni sulla Misura 4 (Investimenti aziende agricole), e se si vuole, il cuore del PSR, sono purtroppo, la certificazione e la conferma - afferma il Presidente della Coldiretti Calabria, Molinaro -  della schizofrenica gestione dell’Assessorato all’Agricoltura. Innanzitutto, le decisioni prese in occasione dell’ultima riunione (31 agosto 2017) al Dipartimento Agricoltura, presieduta del Presidente Oliverio, sono state sconfessate con i 5 decreti pubblicati il 07/09/2017. Il Dipartimento Agricoltura, strategico per l’occupazione e la crescita della Calabria  è allo sbando, e ha superato ogni livello di sopportazione da parte delle imprese ed in particolare dei giovani, la carta vincente del PSR."

"La goccia che ha fatto traboccare il vaso trova eloquente conferma nelle prime graduatorie della misura 4, appena pubblicate. La delega all’agricoltura mantenuta dal Presidente Oliverio  di fatto, ha lasciato il Dipartimento senza guida politica, rimandando scelte, sottovalutando gli effetti negativi per gli agricoltori, lasciando la burocrazia senza un reale coordinamento teso a raggiungere gli obiettivi gestionali del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020, spesso condivisi al Tavolo Tecnico o negli incontri del Partenariato Socio-Economico. Le graduatorie pubblicate decretano l’inadeguatezza dell’impostazione politica e gestionale nel Dipartimento Agricoltura ed evidenziano: procedure farraginose, mancanza di semplificazione amministrativa, tempi lunghi, assenza di coordinamento autorevole e quotidiano."

"Insomma, scelte non fatte o fatte solo per complicare l’approccio ai bandi alle  imprese e spesso per i tecnici (vedi modello Business Plane, ecc) ignorando anche le più elementari norme che regolano i procedimenti amministrativi (vedi ad esempio legge 241/1990) con i titolari delle domande di sostegno. Gli effetti ed i risultati decantati nel PSR (qualità della spesa e degli investimenti), ad oggi, sono saltati provocando la rabbia e la delusione della maggior parte delle aziende che hanno presentato  progetti, risultati non ammessi, per eccesso di burocrazia nei bandi o hanno subito tagli finanziari senza spiegazioni trasparenti e chiare e senza aver chiesto ai Centri di Assistenza Agricola la documentazione cartacea in originale detenuta nel fascicolo del progetto."

"A questo si aggiunge l’amarezza di tantissimi che aspettano il prossimo bando, ormai da qualche mese, dubitando sempre più che avvenga in tempi brevi. La Coldiretti propone l’immediata revoca o rettifica dei decreti delle graduatorie pubblicate per consentire di pervenire ad un’unica graduatoria definitiva che utilizzi tutta la dotazione finanziaria dei bandi dopo l’istruttoria delle richieste di riesame, concedendo almeno trenta giorni dalla pubblicazione, stante l’elevato numero delle domande escluse e dell’iter necessario all’acquisizione dei motivi di esclusione. Coldiretti  ritiene che il 14 settembre p.v. alla presenza del Ministro Martina, si possa parlare anche di questa ennesima e permanente “calamità” che rinvia, ancora una volta, l’attesa e compromessa “raccolta”. Se c’è volontà, si deve aprire subito il “Cantiere” al Dipartimento Agricoltura, per mettere le basi e tentare di ricostruire e riorganizzare la struttura politica e gestionale, al fine di sperare in una futura buona “Raccolta” per gli agricoltori calabresi”.

Redazione

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione