Menu

"Cantiere Calabria", una tre giorni all'Unical voluta dal Governatore Oliverio per illustrare quanto fatto sinora, cioè il nulla

Mario Oliverio Mario Oliverio

Con una brutta copia della Leopolda e con la falsa speranza di ingraziarsi il segretario nazionale de Pd il Governatore della Calabria, Mario Oliverio, ha organizzato una tre giorni all'Università della Calabria denominata "Cantiere Calabria" con lo slogan "dopo la semina il raccolto". Ad onor del vero i primi tre anni della guida Oliverio si sono caratterizzati per il nulla assoluto. Tutte le aspettative di chi sperava che Mario Oliverio potesse cambiare qualcosa sono state ampiamente deluse. Anzi sono sempre di più coloro i quali ritengono che questa esperienza di Oliverio sia la peggiore di tutte quelle vissute sinora dalla nascita della Regione nel 1970 ad oggi. Non si comprende cosa si possa discutere in tale iniziativa se non di aria fritta e di ovvie promesse che, come sempre, non saranno mantenute.

Non vi è alcun settore in Calabria che non abbia registrato segni negativi da quando Oliverio è stato eletto. L'emigrazione intellettuale è sempre in crescita. Nessun segnale positivo sul fronte dell'occupazione. La crisi economica è sempre più forte ed incisiva. Il divario fra la Puglia e la Calabria e finanche fra la Basilicata e la Calabria è sempre più ampio. Tutti gli indici economici confermano l'ultimo posto della Calabria. Per non discutere della tragedia degli incendi che hanno distrutto migliaia di ettari, del potere criminale sempre più incisivo e sempre più addentrato nell'economia regionale. Infine, e l'elenco sarebbe lunghissimo, è il caso di ricordare come il consiglio regionale sia ridotto oramai al nulla con ferie forzate per mesi, con solo sei riunioni dall'inizio dell'anno. Ulteriore esempio dello sfacelo esistente rimarcato anche dai mass - media nazionali.

Ed in tale scenario si organizza una tre giorni che si terrà nel Centro Congressi dell'Università della Calabria dal 14 al 16 settembre, per "una messa a punto sui temi più importanti - si legge in una nota del Governatore Oliverio - legati alla crescita e allo sviluppo di una nuova Calabria accessibile e competitiva". Parteciperanno ben cinque ministri del Governo Gentiloni. Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, delle Politiche Agricole Maurizio Martina, delle Infrastrutture Graziano Delrio, delle Politiche di Coesione Claudio De Vincenti, dello Sport Luca Lotti. Inoltre saranno presenti rappresentanti istituzionali,  accademici, dell’impresa, dell’associazionismo, del sindacato, delle professioni. Molti dei quali in odor di renzismo e di Pd, inutile dirlo.

Copiando la Leopolda sono previsti anche tavoli tematici e programmi di settore. "Abbiamo lavorato sodo in questi primi due anni e mezzo per rimettere su un binario solido la Regione che abbiamo ereditato. Abbiamo creato le condizioni - afferma Oliverio in una nota - per una nuova Calabria e quindi ora è arrivato il momento della raccolta. Al nostro fianco c’è una rinnovata e fattiva solidarietà del Governo e la presenza dei ministri ne è la testimonianza. I risultati della nostra azione si stanno già vedendo in vari campi e voglio ricordare solo gli eccellenti dati della stagione turistica. Molto c’è ancora da fare sulla strada del cambiamento e del rinnovamento ed è su questo che abbiamo lavorato e continueremo a farlo, in un’azione che pone al centro la legalità, il rispetto delle regole, il contrasto alle mafie, e per il welfare ed il lavoro, su cui faremo una specifica iniziativa con il ministro Giuliano Poletti prevista per il 10 ottobre.

Inoltre un apposito evento riguarderà la scuola, l’istruzione e l’alta formazione". Ad onor del vero del lavoro svolto sinora dal Governatore Mario Oliverio per la Calabria ed i calabresi non vi è traccia alcuna. Ma in politica ed in politichese, soprattutto in Calabria, tutto è permesso. Tanto vi saranno tanti seguaci del potere e accoliti vari pronti a partecipare alla tre giorni e a giurare e spergiurare che la Calabria è rifiorita, che il cambiamento è in atto, che il rinnovamento è palese e che Oliverio renderà la Calabria un paradiso. Così saranno tutti felici e contenti come nelle favole più belle. Tanti i calabresi vivono con le favole e con la speranza, mentre la realtà è sempre tutt'altro.

Redazione

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione