Menu

Wanda Ferro: “Regolamento Arpacal non è stato oggetto di alcun confronto”

Wanda Ferro Wanda Ferro

Il consigliere regionale Wanda Ferro (Gruppo Misto), facendo seguito alle perplessità già sollevate dal coordinatore provinciale di Forza Italia di Vibo Valentia, Giuseppe Mangialavori, ha inviato agli uffici della Presidenza di Palazzo Campanella un'interrogazione a risposta scritta al presidente della Regione Mario Oliverio, per chiedere se intenda recedere dal proposito di proseguire l’iter di approvazione del nuovo regolamento Arpacal.

“La bozza del nuovo Regolamento di organizzazione dell’Agenzia - spiega Wanda Ferro - propone infatti alcuni sostanziali cambiamenti che connoteranno il funzionamento per gli anni a venire, ma riguardo alla sua approvazione non possono non essere poste alcune questioni di metodo e di merito. Innanzitutto, nel metodo, va evidenziato che la bozza di regolamento non è stata oggetto di alcuna discussione o confronto con i soggetti direttamente o indirettamente coinvolti col funzionamento dell’Agenzia. Non sono stati interpellati i dirigenti della stessa, né la Capitaneria di porto, l’Asp, l’Autorità giudiziaria, le pubbliche amministrazioni, i fruitori dell’Arpacal e così via."

"Tutto ciò - spiega Wanda Ferro - è in contrasto con l’orientamento del Dipartimento della Funzione Pubblica che, con la direttiva n° 2/17, recante le linee guida sulla consultazione pubblica in Italia, raccomanda alle amministrazioni di promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche e di impegnarsi a considerare la consultazione come una fase essenziale dei processi decisionali”. Rispetto ai contenuti della proposta, Wanda Ferro sottolinea che “con l’eliminazione su tutto il territorio regionale dei due soli Laboratori Bionaturalistico e Chimico, il Dipartimento di Vibo Valentia risulta depauperato invece di essere potenziato."

"Considerate le moltissime attività in favore dell’Asp di Vibo dell’Autorità Giudiziaria, che richiedono tempestività sia negli interventi sia nelle risposte, la chiusura degli unici due Laboratori Bionaturalistico e Chimico presenti nella provincia di Vibo Valentia determinerà l’ennesimo vulnus ad una provincia già ultima nelle classifiche nazionali di efficienza dei servizi. La bozza del nuovo Regolamento prevede, altresì, la creazione, presso altri dipartimenti provinciali, di nuovi laboratori chimici, per cui la riforma non implicherà alcuna riduzione dei costi”. “Spero che alla riapertura degli uffici – conclude Wanda Ferro – il governatore chiarisca se intende fermare l’iter di approvazione del nuovo regolamento e promuovere un confronto con le parti interessate alla riforma”.

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione