Menu

Regione, il Governatore Oliverio ancora umiliato da Roma, mentre in Campania De Luca viene nominato commissario per la sanità 

Mario Oliverio Mario Oliverio

Che il Governatore De Luca sia un Governatore "pesante" di una Regione importante come lo è la Campania lo dimostra il fatto che il Ministro Lorenzin a malincuore ha ceduto per la nomina a commissario della sanità. Mentre il Governatore che ancora aspetta la nomina e pietisce dietro le stanze romane è il Governatore Oliverio, forte in Calabria e ignorato e mortificato a Roma. Al punto tale che non sono in pochi quelli che auspicano che Oliverio abbandoni il Pd per passare con i suoi vecchi compagni di viaggio D'Alema e Bersani. Ma chi auspica questo non conosce bene Oliverio che in tutta la sua lunghissima ed immeritata carriera politica si è sempre schierato con il più forte e non ha mai pensato di schierasi con altri in condizioni difficili.

Nonostante gli schiaffi Oliverio è e sarà sempre renziano fino a quando Renzi sarà segretario nazionale del Pd, quando non lo sarà più passerà con il successore di Renzi. Intanto l'obiettivo principale che poi è l'unico pensiero fisso e quotidiano di Oliverio, cioè quello di far fuori il Commissario Scura e prenderne il posto ancora non si è avverato, nonostante siano trascorsi quasi tre anni dalla sua elezione a Governatore nel novembre del 2014. E da allora ad oggi in Calabria non è cambiato nulla, anzi, tutto è peggiorato a riprova del fallimento del governo Oliverio che ha finanche fatto rimpiangere chi lo ha preceduto nella guida della Regione. L'ostacolo da superare è il veto posto ad Oliverio dal Ministro Lorenzin condizionata in questo dal potentissimo padre - padrone del partito di Alfano in Calabria, il sottosegretario Antonio Gentile.

E non è detto che per tale rigidità e per il contributo che il partito di Alfano ha dato a Catanzaro per la vittoria di Sergio Abramo, candidato di Forza Italia, a pagarne le spese possa essere il fratello del sottosegretario Antonio Gentile, il vicepresidente del consiglio regionale, On. Pino Gentile, che potrebbe non essere più riconfermato nel suo incarico che potrebbe, invece, essere appannaggio di un consigliere di Forza Italia. In pole position i consiglieri Mimmo Tallini e Wanda Ferro entrambi di Catanzaro. A questo si aggiunge un possibile mini - rimpastino della giunta regionale, sia per sostituire la dimissionaria Barbalace e sia per l'eventualità di sostituire Francesco Russo, designato alla guida dell'Autorità portuale di Gioia Tauro. Una estate rovente per Mario Oliverio e non solo per il caldo torrido che ha investito la Calabria ma in politica, come tutti sanno, il mese dove si procede nei maggiori cambiamenti e nelle quadrature del cerchio è sempre stato il mese di agosto. Il mese nel quale i calabresi pensano al mare e alle vacanze ed i politici possono fare quello che vogliono ancor più dei rimanenti mesi dell'anno sfruttando il solleone e le distrazioni agostane.

Redazione

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione