Menu

Ordinanza del Sindaco Occhiuto per la prevenzione degli incendi boschivi

Ordinanza del Sindaco Occhiuto per la prevenzione degli incendi boschivi

Il Sindaco Mario Occhiuto ha emanato un’ordinanza contingibile e urgente per la prevenzione dei rischi legati agli incendi boschivi. Ne dà notizia il presidente della Commissione Ambiente Vincenzo Granata il quale sottolinea il valore di questa 'buona pratica' finalizzata a tutelare l'incolumità di beni e persone. Il provvedimento predispone adeguati interventi sui siti ritenuti maggiormente a rischio e precisamente in prossimità di nuclei, centri abitati e/o case sparse, strade a ridosso di centri abitati e rurali, patrimoni boschivi.

Per le aree e i reliquati di proprietà comunale, l’Amministrazione di Palazzo dei Bruzi sta provvedendo alla messa in sicurezza, con lavori di diserbamento e risanamento ambientale tramite maestranze e mezzi a disposizione. Ma per le aree private l’onere di provvedere ricade sui proprietari e conduttori dei fondi agricoli. Pertanto, tutti gli enti e i proprietari o detentori a qualsiasi titolo di boschi, terreni agricoli, prati, pascoli e incolti devono adoperarsi in ogni modo al fine di evitare il possibile insorgere e la propagazione di incendi.

Gli interventi devono essere effettuati entro 15 giorni dalla data di pubblicazione dell'ordinanza (6 luglio 2017) con propri mezzi. Sulla scorta di quanto disposto dall’ordinanza, ai proprietari ed ai conduttori viene chiesto, in particolare: di provvedere alla formazione attorno ad ogni manufatto di una zona di rispetto di almeno 10 metri, priva di foglie, rami, sterpi secchi e quant’altro possa generare incendi; di realizzare sui terreni di proprietà lungo il confine di boschi, zone a pascolo, o incolti produttivi e non, una zona di rispetto di almeno 5 metri completamente spoglia di vegetazione e di una fascia di almeno 20 metri dalle sedi stradali.

Ferma restando l’applicazione delle sanzioni previste in normative specifiche, per le violazioni dell’ordinanza del Sindaco saranno applicate sanzioni amministrative pecuniarie che andranno da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro tenuto conto della gravità della violazione. L’attività di vigilanza e controllo - volta a monitorare il territorio, a verificare il rispetto dell’ordinanza ed adottare i provvedimenti sanzionatori a carico dei trasgressori - sarà assicurata dal Corpo della Polizia Municipale, con l'indispensabile supporto del personale del settore Infrastrutture e mobilità.

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione