Menu

L'On. Carlo Guccione, Pd, "L'Asp di Cosenza senza atto aziendale, la Regione batta un colpo"

Carlo Guccione Carlo Guccione

L'unico vero oppositore in consiglio regionale alla monarchia imposta dal Re-Governatore della Calabria, Mario Oliverio, il peggiore Governatore dal 1970 ad oggi, è da tempo il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione, soprattutto nel campo agognato da tutti che è quello della sanità. Stendiamo un velo pietoso sulla pseudo - minoranza silente ed accomodante oltre che inciuciante che continua nel suo assordante silenzio nonostante lo sfacelo dell'epoca Oliverio. E l'unico oppositore vero nonostante sia del Pd, Carlo Guccione, interviene per l'ennesima volta sull'Asp di Cosenza. "La Sanità in Calabria - afferma il consigliere Carlo Guccione - non finisce mai di stupire e di raggiungere record negativi."

"Otto anni fa la Calabria fu commissariata perché di fatto non esisteva una contabilità, ma solo una “trasmissione orale dei dati.  È esattamente un anno (luglio 2016), da quando l’Asp di Cosenza è senza Atto Aziendale. Forse è un caso unico in Italia, con l’Azienda sanitaria provinciale costretta ad operare pur avendolo ripresentato e riproposto diverse volte. Però l’Atto aziendale non è stato ritenuto meritevole di adozione da parte dell’Ufficio del Commissario per il Piano di Rientro. La storia è tutta qui. Eppure si tratta di uno strumento indispensabile che disciplina l’organizzazione e il funzionamento dell’Asp nel rispetto della pianificazione sanitaria regionale e locale, al fine di garantire i livelli essenziali di assistenza, appropriatezza e tempestività delle cure."

"L’Asp di Cosenza non è poca cosa. Copre il 42 % della Calabria, quasi la metà, e gestisce un bilancio di circa un miliardo di euro all’anno dei tre miliardi e mezzo che il governo nazionale destina alla Calabria per la sanità della nostra regione.  È un anno che la sanità della provincia di Cosenza, priva dell’atto aziendale, viaggia con una marcia ridotta, mentre le Ao e le Asp delle altre province, da tempo con l’atto aziendale approvato, hanno avuto la possibilità di potenziare, investire e assumere personale per i servizi sanitari territoriali e ospedalieri. Abbiamo accumulato oltre un anno di ritardi e mancati investimenti. Come succede per esempio per quanto riguarda i tre ospedali spoke di competenza dell’Asp di Cosenza (Corigliano-Rossano, Paola-Cetraro, Castrovillari) che dovrebbero avere 750 posti letti attivi per acuti."

"Ad oggi ne risultano solo 450 attivi e i pazienti sono costretti a lunghe liste di attesa in pronto soccorso e addirittura a rivolgersi ad ospedali di altre regioni, spesso per poi essere ricoverati. Altra nota dolente  è quella dell’Asp costretta a fronteggiare la vicenda dei doppi pagamenti per decine di milioni di euro, risorse sottratte alla cura e ai servizi sanitari per i cittadini della provincia di Cosenza. Non possiamo assistere a una così grande penalizzazione della sanità cosentina e più precisamente dell’Asp bruzia. Mentre nella stessa Azienda sanitaria provinciale di Cosenza sono stati raggiunti importanti risultati in termini di stabilizzazione di personale precario, assunzione di numerosi primari che hanno ricoperto posti vacanti da diverso tempo, e acquisizione di una nuova dotazione tecnologica sanitaria".

"La Regione Calabria batta un colpo. E metta in atto - conclude Carlo Guccione - una iniziativa rapida e urgente nella prossima settimana, che permetta di fare in modo che l’Asp di Cosenza abbia un atto aziendale in linea con le disposizioni e gli indirizzi nazionali, regionali e dell’ufficio del commissario. Se ciò non dovesse accadere, saremo costretti, così come abbiamo fatto nella passata legislatura, a mettere in atto quelle iniziative clamorose negli ospedali, nei pronto soccorso, nei poliambulatori per denunciare sprechi, inefficienze e il mancato rispetto dei Livelli essenziali di assistenza".

Redazione

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione