Menu

Cosenza Pride, Laura Ferrara e Domenico Miceli (M5S), "una sfilata di civiltà, politici dell'area urbana d'accordo solo sui fondi da sperperare"

Laura Ferrara Laura Ferrara

"Il primo luglio per le strade di Cosenza si ribadisce che non ci sono diritti di serie A e di serie B. I diritti sono tutti fondamentali così come fondamentali sono tutti i colori che compongono l’arcobaleno simbolo della manifestazione". Lo affermano Laura Ferrara, eurodeputata del Movimento 5 Stelle e il consigliere comunale a Rende Domenico Miceli. I due Portavoce pentastellati comunicano la loro adesione e il loro sostegno al Cosenza Pride, la manifestazione che colorerà le strade del capoluogo bruzio nel pomeriggio e nella serata di sabato 1 luglio. "Spiace constatare che, dal punto di vista delle politiche sulle pari opportunità, i sindaci dell'area urbana siano divisi e in contrasto."

Commentano Ferrara e Miceli facendo riferimento al mancato patrocinio dell’amministrazione comunale di Cosenza. "Una divisione che scompare però quando c'è da mettersi d'accordo sui fondi da sperperare, come quelli della Metro o quelli dell'Agenda Urbana. Puntano a realizzare città esteticamente ammalianti definendole addirittura “europee”, ma si dimenticano di rinvigorire e svecchiare l'etica di questi territori. Prendiamo le distanze dal mancato patrocinio all'evento deciso dal sindaco di Cosenza, Occhiuto, che pure lo aveva concesso per l’identica manifestazione tenuta a Reggio Calabria".

L’eurodeputata ricorda come nel 2015 fu firmataria di un documento in cui chiedeva alla Commissione Ue di “presentare una proposta di normativa per il riconoscimento mutuo” delle unioni e matrimoni registrati in altri paesi in modo da “ridurre gli ostacoli amministrativi e giuridici discriminatori che devono affrontare i cittadini” per esercitare il loro diritto alla libera circolazione.

"Crediamo che quella di sabato sarà occasione per mostrare che esiste una Cosenza per i Diritti e le Libertà, una Cosenza -concludono Laura Ferrara e Domenico Miceli - che non si riconosce nell'incertezza e nell'incoerenza di un'amministrazione che non prova vergogna a sponsorizzare l’immagine della città con la figura di Himmler e a rincorrere il falso mito di Alarico. Pieno sostegno dunque agli organizzatori dell’evento".

Redazione

 

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione