Menu

LEGA PRO PLAY OFF - COSENZA-PORDENONE 0-0 (0-1) - IL COSENZA ESCE AI QUARTI. NON BASTA LA CARICA DEGLI 11MILA DEL SAN VITO

LEGA PRO PLAY OFF - COSENZA-PORDENONE 0-0 (0-1) - IL COSENZA ESCE AI QUARTI. NON BASTA LA CARICA DEGLI 11MILA DEL SAN VITO

Non basta la carica degli 11mila del San Vito al Cosenza per avere la meglio sul forte Pordenone. I lupi escono ai quarti tra lacrime e rimpianti. Un vero peccato. Cuore, grinta, orgoglio e passione in campo e sugli spalti. Vince il “Marulla” ma passano i friulani, grazie ad una gara attenta in cui subiscono molto le avanzate e il possesso palla dei padroni di casa ma concedono poco. Ai punti avrebbe meritato sicuramente il Cosenza ma si vince segnando e il Cosenza non è riuscito a trovare la via della rete, nonostante la spinta di un pubblico da serie A. Anzi, a dire il vero, il gol il Cosenza lo aveva anche trovato al 55’ con Letizia ma l’arbitro salernitano ha erroneamente annullato con la complicità del suo assistente di linea. Negati, inoltre, due penalty sacrosanti ai rossoblù. Il primo al minuto numero 11 per un evidente e goffo fallo di mano in area; il secondo su Letizia, falciato in piena area al 28’. Ottima, comunque, la prova di tutti i rossoblù. Sulle righe super Letizia e Mungo, entrato a partita in corso a causa delle precarie condizioni fisiche. E’ mancato e non poco, ovviamente, lo stoccatore Baclet (il più prolifico tra i silani insieme a Statella, ndr.), rimasto privo di sensi a terra per diversi minuti nella gara d’andata.

Così mister De Angelis al termine del tiratissimo match: «Ci lecchiamo le ferite soprattutto per il gol preso all'andata, un gol preso in un momento in cui i nostri ragazzi pensavano giustamente a tutt'altro. Se avessimo però dovuto pensare ad un modo bello per uscire dai playoff avremmo pensato a questo, nel calcio la fanno da padrone gli episodi e quei centimetri maledetti ci sono venuti un po' contro. Restare qui? Lo spero, ma ora non è il momento di pensarci: volevo solo ringraziare tutti i ragazzi che ho avuto la fortuna di allenare e che mi hanno dato modo di crescere, che mi hanno sopportato e supportato in tanti momenti. Ci sarebbe voluta una telecamera nello spogliatoio per vedere le lacrime che abbiamo versato. Credo che il mio legame con Cosenza sia palese a tutti, la gran parte dei tifosi mi ha sempre stimato sia da calciatore che da allenatore, un ringraziamento particolare a loro che mi hanno voluto sotto la Tribuna, è una fortuna che non è da tutti i giorni. Parlare di futuro è inopportuno, poco tempo fa leggevo un'intervista in cui si diceva che a Cosenza mancasse l'entusiasmo, stasera abbiamo dimostrato il contrario: Cosenza ed il Cosenza devono ripartire dalla massa che era allo stadio, toccherà ripartire da lì. Allan? C'è mancato parecchio, ma voglio ringraziare anche gli altri: Mungo che ha giocato con due infiltrazioni a partita, il Capitano che ha mangiato bocconi amari ed ha dimostrato di essere uomo vero e tutto il resto della squadra, uomini prima di essere calciatori». 

Le parole del Ds Valoti: «I ragazzi hanno fatto una cosa bellissima, siamo usciti contro una signora squadra condannati per un gol al 97' nella partita d'andata. Avremmo potuto avere qualche chance in più ai supplementari. Devo solo fare i complimenti ai ragazzi, una squadra cresciuta insieme all'ambiente che aveva intorno. Dispiace per i nostri tifosi perché oggi abbiamo visto cosa significhi creare un bell'ambiente a Cosenza. Il Cosenza esce senza recriminare nulla, magari se fosse stato in panchina Allan... Però siamo contenti che lui stia bene».

Le lacrime di capitan Caccetta: «Uscire con le lacrime agli occhi non è stato bello, dominando una partita e con un pubblico fantastico che ci ha dato una spinta incredibile. Al di là delle questioni personali avremmo voluto regalare una gioia a questa gente. Le lacrime sono per questo, perché è svanito un sogno. La differenza nei 180' l'ha fatta il gol preso al 97', in inferiorità numerica e con una condizione psicologica non facile vista anche la leggerezza dell'arbitro nel gestire la situazione. La cosa più bella è stata vedere 10.000 persone incitarci fino all’ultimo. Credevamo nella Serie B e da qui dobbiamo ripartire. Siamo arrivati ai playoff in una posizione non favorevole, però avevamo raggiunto una maturità tale da potercela giocare contro una squadra che è arrivata terza nel Girone B. Saremmo potuti stare benissimo tra quelle quattro che andranno a Firenze a giocarsi la B, non avremmo rubato nulla».

Tabellino

COSENZA (4-3-3): Perina, Corsi, Tedeschi, Blondett, Caccetta, Letizia, Statella (59′ Cavallaro), Mendicino, Ranieri, Calamai (68′ Mungo), D’Orazio.
A disp.: Saracco, Quintiero, Pinna, Capece, Criaco, Cavallaro, Meroni, Bilotta, D’Anna, Mungo, Sueva, Crispino
Allenatore: Stefano De Angelis

PORDENONE (4-2-3-1): Toemi, Ingegneri, Stefani, Marchi, Buratto, Semenzato, Suciu, Burrai, Misuraca, Cattaneo, Arma (42′ Padovan).
A disp.: D’Arsiè, Pellegrini, Padovan, Martignago, Parodi, Zappa, Gerbaudo, Pietribiasi, Bulevardi
Allenatore: Bruno Tedino

Arbitro: Signor Vinvenzo Valiante di Salerno

Assistenti: Signor Matteo Benedettino di Bologna e signor Arcangelo Vingo di Pisa

Quarto Ufficiale: Signor Ivan Robilotta di Sala Consilina

Note: Serata estiva al san Vito, terreno di gioco in perfette condizioni. Presenti 10.633 spettatori, per un incasso di 117.738 €. Nel settore ospiti presenti 9 tifosi friulani. Ammoniti: Blondett (C), Burrai (P), Stefani (P). Angoli: 6-1.

RISULTATI QUARTI DI FINALE PLAY-OFF

Alessandria – Lecce 0-0 (5-4 d.c.r.) – Andata 1-1
Lucchese – Parma  1-2  – Andata 1-2
Reggiana – Livorno  2-2  – Andata 2-1
Cosenza – Pordenone  0-0 Andata 0-1

SEMIFINALI PLAY-OFF

Alessandria – Reggiana
Parma – Pordenone

FINAL FOUR (dal 13 al 17 giugno) - Le quattro vincitrici dei quarti di finale approdano alla final four che andrà in scena a Firenze. La prima semifinale, in gara unica, sarà disputata martedì 13 giugno, la seconda mercoledì 14 giugno. La finale, infine, si giocherà in gara unica il 17 giugno. Tutte le gare della Final Four andranno in scena allo stadio "Franchi" di Firenze.
 

Classifica FINALE regoular season:

 

IN GENERALE CASA FUORI

PARTITE RETI PARTITE RETI PARTITE RETI

PT G V N P F S MI V N P F S V N P F S

FOGGIA 85 38 25 10 3 70 29 +3 15 3 1 41 10 10 7 2 29 19

LECCE 74 38 21 11 6 62 36 -4 12 5 2 35 16 9 6 4 27 20

MATERA 65 38 18 11 9 71 44 -10 10 7 2 39 19 8 4 7 32 25

JUVE STABIA 64 38 18 10 10 65 43 -11 11 5 3 38 18 7 5 7 27 25

SIRACUSA 57 38 16 9 13 47 43 -16 12 4 3 30 16 4 5 10 17 27

V. FRANCAVILLA 57 38 16 9 13 47 45 -16 12 3 4 30 17 4 6 9 17 28

COSENZA 55 38 15 10 13 57 46 -17 8 5 6 28 24 7 5 7 29 22

PAGANESE (-1) 50 38 14 9 15 51 45 -20 7 8 4 25 17 7 1 11 26 28

FONDI (-1) 49 38 11 17 10 49 46 -18 8 8 3 30 21 3 9 7 19 25

CASERTANA (-2) 49 38 13 12 13 38 42 -19 7 8 4 19 15 6 4 9 19 27

CATANIA (-7) 47 38 14 12 12 40 36 -17 12 3 4 29 14 2 9 8 11 22

FIDELIS ANDRIA 47 38 10 17 11 30 33 -20 7 7 5 15 13 3 10 6 15 20

REGGINA 45 38 10 15 13 44 54 -22 9 7 3 27 22 1 8 10 17 32

MESSINA (-2) 44 38 12 10 16 38 52 -23 9 5 5 28 22 3 5 11 10 30

MONOPOLI 42 38 9 15 14 42 54 -24 4 7 8 20 29 5 8 6 22 25

AKRAGAS 39 38 9 12 17 30 47 -27 5 8 6 19 23 4 4 11 11 24

VIBONESE 39 38 9 12 17 27 46 -27 5 8 6 15 17 4 4 11 12 29

CATANZARO 38 38 9 11 18 36 49 -28 8 5 6 24 20 1 6 12 12 29

MELFI (-1) 34 38 9 8 21 38 68 -31 6 4 9 21 28 3 4 12 17 40

TARANTO 30 38 6 12 20 25 49 -33 4 6 9 12 21 2 6 11 13 28

Cannonieri (Classifica finale):

22 reti

Mazzeo (Foggia; 4 rigori)

17 reti

Caturano (Lecce; 3 rigori)
Negro (Matera; 5 rigori)

15 reti

Ripa (Juve Stabia; 3 rigori)

14 reti

Coralli (Reggina; 2 rigori)
Catania (Siracusa; 2 rigori)

13 reti

Montini (Monopoli)

12 reti

Statella (Cosenza; 2 rigori)
Albadoro (Fondi; 4 rigori)
Foggia (Melfi; 1 rigore)

11 reti

Baclet (Cosenza; 1 rigore)
Reginaldo (Paganese; 2 rigori)
Nzola (V. Francavilla)


Il cammino dei Lupi

1) Catanzaro – Cosenza 0-3

2) Cosenza - Taranto 0-1

3) Matera - Cosenza 3-2

4) Cosenza - Melfi 3-0

5) Cosenza - Vibonese 2-0

6) Reggina – Cosenza 0-0

7) Cosenza-V.Francavilla 1-0

8) Fondi-Cosenza 1-2

9) Cosenza-Paganese 2-1

10) F.Andria-Cosenza 2-0

11) Juve Stabia-Cosenza 2-0

12) Cosenza-Casertana 1-2

13) Lecce-Cosenza 1-1

14) Cosenza-Monopoli 2-1

15) Siracusa-Cosenza 1-0

16) Cosenza-Catania 1-2

17) Akragas-Cosenza 1-3

18) Cosenza-Messina 1-0

19) Foggia-Cosenza 3-1

20) Cosenza-Catanzaro 1-1

21) Taranto-Cosenza 0-3

22) Cosenza-Matera 2-3

23) Melfi-Cosenza 0-2

24) Vibonese-Cosenza 1-1

25) Cosenza-Reggina 2-2

26) Francavilla-Cosenza 1-0

27) Cosenza-Fondi 2-2

28) Paganese-Cosenza 1-1

29) Cosenza-F.Andria 2-1

30) Cosenza-Juve Stabia 2-4

31) Casertana-Cosenza 1-1

32) Cosenza-Lecce 0-0

33) Monopoli-Cosenza 2-6

34) Cosenza-Siracusa 1-2

35) Catania-Cosenza 0-2

36) Cosenza-Akragas 1-0

37) Messina-Cosenza 2-1

38) Cosenza-Foggia 2-2

PLAY OFF

Cosenza-Paganese 2-0

Cosenza-Matera 2-1

Matera-Cosenza 1-1

Pordenone-Cosenza 1-0

Cosenza-Pordenone 0-0

In neretto i risultati utili

 

di Fabio Di Benedetto

Share/Save/Bookmark back to top

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
In attesa di registrazione al Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2017 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                     La Voce Cosentina © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione