Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Giovedì, 29 Novembre 2018 09:04

1 dicembre 2018 - Valerio Mastrandrea a Cosenza per presentare “RIDE”. La proiezione e l'incontro con il pubblico sul suo film di esordio come regista

Rate this item
(0 votes)
Valerio Mastandrea e Chiara Martegiani Valerio Mastandrea e Chiara Martegiani

Sabato 1 dicembre, alle ore 20, nella sala 1 del Cinema Citrigno, l'attore e regista cinematografico Valerio Mastrandrea incontrerà il pubblico sul suo film d'esordio come regista “Ride”. A seguire, la proiezione della pellicola. Il film uscirà ufficialmente domani nelle sale italiane. Un evento organizzato dalla CGC grazie alla collaborazione delle case di produzioni della pellicola Kimerafilm e Rai Cinema.

Ride è un film drammatico diretto e co-sceneggiato da Valerio Mastandrea. Una domenica di maggio, a casa di Carolina (Chiara Martegiani) si contano le ore. Il lunedì successivo bisognerà aderire pubblicamente alla commozione collettiva che ha travolto una piccola comunità sul mare, a pochi chilometri dalla capitale. Se n'è andato Mauro Secondari, un giovane operaio caduto nella fabbrica in cui, da quelle parti, hanno transitato almeno tre generazioni. E da quando è successo Carolina, la sua compagna, è rimasta sola, con un figlio di dieci anni, e con una fatica immensa a sprofondare nella disperazione per la perdita dell'amore della sua vita.

Perché non riesce a piangere? Perché non impazzisce dal dolore? Sono passati sette giorni ormai e per lei sembra non essere cambiato nulla. Nonostante gli sforzi, non riesce ad afferrare quello strazio giusto, sacrosanto e necessario a farla sentire una persona normale. Manca un giorno solo al funerale e tutti si aspetteranno una giovane vedova devastata. Carolina non può e non deve deludere nessuno, soprattutto se stessa.

La storia di un vuoto enorme da riempire, di assenze che tolgono il fiato e costringono a fare i conti con il passato, per cercare di affrontare il futuro riempiendo in qualche modo quei vuoti. Valerio Mastandrea si è trovato varie volte nell’ultimo paio d’anni ad affrontare il tema della perdita, come attore, e per la sua opera prima come regista decide di svilupparlo fino a concentrarsi soprattutto su come reagire al lutto, su come le convenzioni sociali indirizzano all’interno di schemi precostituiti e rigidi il modo in cui ‘sarebbe giusto e accettabile’ comportarsi.

Un tema da sempre caro a Mastandrea, quello della libertà di comportarsi seguendo la propria unicità, a partire da una carriera nata più da reazioni istintive che da tecniche accademiche. Il paradosso è che, nello spostarsi dietro la macchina da presa, rischia di imporre ai suoi attori, almeno alla sua protagonista, Chiara Martegiani, qui chiaramente sua alter ego, un’altra convenzione: il suo stile unico di recitazione. Un equilibrio molto particolare fra leggerezza e sofferenza, ironia, sotto forma di scudo protettivo, e disincanto.

Valerio Mastrandrea 

Nato e cresciuto nel quartiere della Garbatella a Roma, a seguito di un'adolescenza difficile, a vent'anni ha scritto a Maurizio Costanzo per poter partecipare alla sua trasmissione e in breve tempo è diventato uno degli ospiti più frequenti del "Maurizio Costanzo Show". Verso la metà degli anni '90 ha deciso di tentare la via della recitazione e nel 1994 ha debuttato sul palcoscenico con "Amici" di Maurizio Panici e al cinema con "Ladri di cinema" di Piero Natoli.

L'anno successivo ha raggiunto la notorietà attraverso il cinema grazie a film come "Cresceranno i carciofi a Mimongo" di Fulvio Ottaviano e "Palermo-Milano solo andata" di Claudio Fragasso. Ha continuato a lavorare anche in teatro, arrivando ad ottenere il ruolo principale nella commedia musicale "Rugantino" di Garinei e Giovannini. Nel 1997 ha girato "Viola Bacia Tutti" e "Abbiamo Solo Fatto L'amore", mentre successivamente è stato impegnato in "La Carbonara", in "Zora la Vampira", in "Velocità Massima", e in "Ultimo Stadio".

E' stato protagonista della pellicola "L'orizzonte degli Eventi" di Daniele Vicari presentato a Cannes 2005 nella 44^ settimana della critica, e ha fatto parte del cast di "N - Napoleone" (2006), di Paolo Virzi'. ù Ha lavorato nella pellicola "4-4-2 - Il Gioco piu' bello (2006) e nella commedia "Last Minute Marocco" (2006). E' stato protagonista della commedia "Non pensarci" (2007) e del film "Tutta la vita davanti" (2008) insieme a Sabrina Ferilli. Inoltre è nel film drammatico "Un giorno perfetto" (2008) di Ferzan Özpetek e nella pellicola "Giulia non esce la sera" (2008) con Valeria Golino. Interpreta Andrea nella commedia "La prima cosa bella". 

 

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Archivio Articoli