Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Mercoledì, 28 Novembre 2018 08:20

Il Grande Albergo delle Fate di Villaggio Mancuso nella piccola Sila catanzarese con la sua decadenza simbolo di una Calabria che non accenna a risvegliarsi

Rate this item
(0 votes)

L'Albergo delle Fate, struttura tipicamente silana tutta in legno, è un simbolo di un momento felice per la Sila piccola catanzarese. Il Grande Albero delle Fate si incastona in uno scenario mozzafiato di una bellezza incredibile, di una bellezza che lascia sgomenti. Ma quello che addolora è come si possa abbandonare a se stesso un luogo così fantastico, un luogo così meraviglioso. Infatti l'Albergo è oramai chiuso da anni ed è praticamente in rovina e in uno stato di degrado non trascurabile.

Oggi è il simbolo più evidente del declino di una terra, la Calabria, che è una meraviglia sul piano delle bellezze naturale ma che è un vero inferno sul piano della mancata valorizzazione dei bellezze che in qualsiasi altro luogo, fuorché la Calabria, sarebbero state giustamente valorizzate e sarebbero state produttrici e volano di ricchezza e di prosperità. Eppure in un luogo suggestivo come l'Albergo delle Fate di Villaggio Mancuso alloggiarono star come Sophia Loren, Silvana Mangano e Amedeo Nazzari, tanto per citare alcuni nomi.

Il Grande Albergo delle Fate venne costruito da un grande manager, da un uomo di grande talento imprenditoriale che fu Eugenio Mancuso che venne folgorato dalla bellezza del luogo. Oggi un simbolo della Calabria degradata, dell Calabria che si impoverisce, che si spopola e che è sempre malgovernata. In 180.000 i giovani che hanno abbandonato la Calabria negli ultimi dieci anni e 200.000 i posti di lavoro persi dall'inizio della crisi dal 2008 ad oggi.

Una fotografia impietosa di una terra che solo con il turismo potrebbe svoltare ad avviare una nuova stagione se si potesse ribaltare la classe politica che la amministra e che ne ha determinato le condizioni per un peggioramento che sembra non avere mai fine. Eppure dell'abbandono del Grande Albergo delle Fate se ne sono interessati anche quotidiani nazionali, l'Agenzia Ansa, e tanti cultori ed amanti della Sila e delle sue infinite bellezze. Ma nonostante ciò nulla si muove. Anzi tutto continua nel suo immobilismo eterno.


Redazione

 

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco