Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Giovedì, 15 Novembre 2018 10:14

I Sabatum Quartet presentano il loro nuovo progetto: Opera Symphony - Fiato alle tradizioni

Rate this item
(0 votes)
Sabatum Quartet Sabatum Quartet

Si chiama Sabatum Quartet Opera Symphony il nuovo progetto musico-teatrale del gruppo tra i più originale, conosciuto e interessante della Calabria che da tredici anni calca la scena di teatri e piazze nazionali e internazionali portando nella musica il racconto dell’identità di storie antiche. È stato il suggestivo Chiostro di San Domenico a Cosenza a fare da cornice alla conferenza stampa di presentazione del nuovo lavoro del gruppo. Nata da un’idea dell’associazione musicale Arteneò e dal Complesso Bandistico Felice Berardi di Bocchigliero si è trasformata in una sfida, far dialogare la cultura etnico-popolare con quella classica e che oggi è diventato un ambizioso progetto, che vede il maestro, compositore Francesco Perri nella direzione dell’orchestra.

“Da una semplice idea di “Fiato alle tradizioni” ne è nato qualcosa di più sinfonico, oserei dire più unico che raro almeno in Italia, unire la musica tradizionale è riarrangiarla per un’intera orchestra sinfonica è davvero imponente” - così Trieste Marelli, presidente dell’Associazione Arteneò e ideatore del progetto. Due mondi musicali, due linguaggi paralleli che si fondono nell’identità storico culturale di una terra che ha tanto da raccontare, tradizione e innovazione che si fondono è rappresentano l’evoluzione di un percorso culturale che trova nella musica l’elemento di congiunzione.

È un’operazione mai realizzata in Italia che si basa su una contaminazione fra la musica colta e quella tradizionale etnica e che ha trovato nel maestro Perri un estimatore, il quale ha affermato: “È interessante capire come questo patrimonio dei Sabatum Quartet può essere rimescolato pur mantenendo ognuno la propria integrità. Anche perché nel tempo questi due patrimoni tra musica scritta e musica orale, tra musica popolare e musica colta, non può essere sempre diviso ma deve avere un punto d’incontro nel rispetto dei propri ruoli e stili”. Finanziato dalla Regione Calabria attraverso il bando sulla “Valorizzazione della cultura calabrese e delle personalità di rilievo della storia della regione” e patrocinato dal comune di Cosenza che ha concesso il palco del Teatro Rendano inserendolo nella prossima stagione di prosa, rappresenta anche un perfetto connubio tra pubblico e privato, un buon utilizzo di fondi pubblici che mira a valorizzare eccellenze e patrimoni della regione, una perfetta sinergia tra soggetti differenti che offrono opportunità di conoscenza e sviluppo dei propri territori.

Come affermato dall’assessore agli eventi culturali e al turismo della città Bruzia, Rosaria Succurro: “abbiamo sposato il progetto perché non solo crediamo nel valore dell’evento ma perché riteniamo che occasioni come queste aiutino Cosenza a crescere culturalmente ampliando anche l’offerta di svago e turistica, così da rendere fruibile la città 365 giorni l’anno. Un progetto tra l’altro che può e deve essere veicolo di messaggi positivi attraverso il linguaggio della musica e che vede nei giovani il destinatario più importante”. Il 12 e il 13 le date dell’evento principe che rappresentano solo la punta dell’iceberg del progetto che prevede per l’estate 2019 l’uscita del prodotto discografico, un dvd dei concerti e una serie di appuntamenti nei teatri italiani.

 

 

Share/Save/Bookmark

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco